Raccolta differenziata a Scicli, scatta la “fase tre”. Distribuzione kit e riduzione Tari

Ai mastelli sarà applicato un “tag rfid” adesivo per associare l’utenza domestica all’anagrafica comunale

-Pubblicità-

SCICLI – Ulteriore step per la raccolta differenziata a Scicli con la città impegnata a scalare la classifica provinciale in termini di efficienza.

Parte oggi, come annunciato dall’amministrazione comunale, la “fase tre” del servizio che prevede la consegna dei kit alle utenze domestiche.

Si inizia dalle borgate con la distribuzione dei mastelli verdi per la raccolta del vetro. Verrano distribuiti anche dei sacchetti e degli opuscoli informativi sul corretto conferimento.

Gli altri contenitori appositi per la differenziata saranno consegnati nelle prossime settimane.

In questa “fase tre” il Comune avvierà anche una sperimentazione per provare ad abbinare, nel database dell’ufficio tributi, i kit utilizzati per differenziare alle utenze Tari comunale, al fine di implementare l’anagrafica.

Questo avverrà con l’applicazione di un adesivo un tag rfid sui mastelli ai fini identificativi.

In futuro la tassa sui rifiuti sarà così divisa in una quota parte fissa e in una variabile, che si abbasserà in ragione della maggiore differenziata praticata dagli utenti.

A spiegare nel dettaglio la “fase tre” del servizio di raccolta è l’assessore comunale all’Ecologia, Bruno Mirabella, intervenuto ai microfoni di SVN. Nell’intervista ha illustrato anche altri aspetti legati al censimento dell’amianto e alle compostiere domestiche.