Attenti a quei due, Scimonello e Bonincontro chiedono il coinvolgimento diretto in Giunta

Con l’assegnazione di un posto a uno dei due. “Da questo momento non abbiamo più delegati ai tavoli politici e siamo gli unici interlocutori con il Sindaco…”

Nella foto (repertorio) i consiglieri comunali (da sx) Guglielmo Scimonello e Lorenzo Bonincontro.
-Pubblicità-

SCICLI – “Comunichiamo ai gruppi ed ai consiglieri che compongono la maggioranza che, i consiglieri Guglielmo Scimonello e Lorenzo Bonincontro, non hanno delegati e sono gli unici interlocutori con il Sindaco, aperti al dialogo, al confronto ed alla partecipazione con tutti i consiglieri di maggioranza”.

E’ quanto precisano in una nota stampa i due consiglieri comunali, eletti nella lista “Enzo Giannone Sindaco” che cammina accanto all’altra lista del sindaco “Città aperta”.

In altre parole: Scimonello e Bonincontro non riconoscono più ai tavoli politici Carmelo Galesi e Paolo Gambuzza.

“Nei quattro anni di consiliatura -si legge nella nota di Sciclimonello e Bonincontro- ci siamo mostrati leali e fedeli al primo cittadino, lavorando con grande spirito di servizio e svolgendo i rispettivi ruoli istituzionali, con serietà, coerenza e responsabilità”.

“Non ci siamo mai sottratti al confronto e abbiamo sempre –proseguono– stimolato il primo cittadino e gli amici che si identificano nel movimento ‘Città Aperta’, invitandoli ad affrontare l’argomento nel merito e senza pregiudizi”.

“La lista ‘Enzo Giannone Sindaco’ ed il movimento ‘Città Aperta’ nel luglio scorso – continuano- hanno fornito al primo cittadino indicazioni ben precise, riguardo alle prospettive future del movimento all’interno del progetto ‘Civici e Progressisti’, per rilanciare l’azione di Governo”.

“Individuando –si legge nella nota- come unica soluzione politica praticabile, il coinvolgimento diretto all’interno della Giunta Giannone, di uno dei due consiglieri Bonincontro o Scimonello, al fine di dare maggiore compattezza e più forza alla maggioranza che sostiene l’Esecutivo, in virtù del fatto che, il partito ‘Articolo Uno’, è rappresentato in Giunta, senza alcuna rappresentanza in Consiglio comunale”.

“In queste settimane stiamo assistendo ad un’interpretazione distorta, quasi una continua parodia della politica che non tiene conto della dignità e dei ruoli. Secondo noi –ribadiscono i due consiglieri – chi si pone in politica deve avere come bussola il rispetto della dignità, della persona e del pensiero altrui”.

“I consiglieri Scimonello e Bonincontro, nella fase più importante per il buon Governo della città, non hanno assolutamente voglia di segnare il passo. Non possiamo -aggiungono- più vivere passivamente la vita politica, specie in questo momento storico, cari amici è arrivato il momento di ‘sporcarci le mani”.

“Crediamo –terminano Bonincontro e Scimonello- nelle qualità lodevoli del nostro Sindaco, uomo di grande rettitudine morale, ed onestà intellettuale e, siamo certi che, il primo cittadino, oltre a capire il nostro disagio, si farà trovare pronto a fare squadra per il bene della città”.