Scicli: l’onda Trovato si abbatte sull’Amministrazione Giannone

Dichiarazione di voto infuocata sul Consuntivo 2019 della consigliera di “Laboratorio Scicli” La consigliera Concetta Morana: “Sindaco e Giunta si confermano sempre in scandaloso ritardo con i documenti finanziari ed anche la 'rivoluzione gentile' tarda ad arrivare"

Nella foto (repertorio) la consigliera comunale Rita Trovato
-Pubblicità-

SCICLI – Il Consiglio comunale ieri sera ha approvato il Consuntivo 2019 e la sua immediata esecutività. La civica assise si è riunita in modalità online.

Il punto è stato approvato col voto favorevole dei consiglieri presenti ad eccezione di tre consiglieri di Minoranza: Enzo Giannone, Concetta Morana e Marianna Buscema che si sono astenuti. Assente al momento del voto il consigliere Mario Marino.

L’atto approvato ieri è propedeutico all’approvazione del Bilancio Preventivo 2020. Durante la seduta, il consigliere Enzo Giannone ha fatto notare che i ritardi nell’approvazione del Consuntivo 2019 e del Previsionale 2020 stanno provocando effetti negativi per l’Ente comunale e per gli stessi cittadini.

Allo stato attuale il bilancio Previsionale deve essere approvato dalla Giunta per poi arrivare tra gli scranni dell’aula consiliare.

Tra coloro che hanno votato favorevolmente il Consuntivo la consigliera Rita Trovato del gruppo politico “Laboratorio Scicli” che, però, ha letto una dichiarazione di voto “infuocata” sull’azione politica e amministrativa del sindaco e della sua Giunta.

In apertura Trovato parla di incapacità finanziaria ancor prima che politica dell’amministrazione Giannone. “La situazione politica-amministrativa dell’Ente –ha detto l’esponente di Laboratorio Scicli- viene tenuta in un “limbo” tra tavoli politici incolore e sedute “spiritiche” che rasentano l’impronunciabile”.

“Oggi -ha proseguito-, nonostante tutto, ma credendo fortemente in principi quali la coerenza e la trasparenza, per il bene della città, la sottoscritta Consigliera, dichiara di votare favorevolmente il rendiconto 2019″.

“Sicuramente tappandosi il naso. Con questo voto si ribadisce fiducia agli amici, compagni di viaggio, ma ancor più ci si auspica che il Primo Cittadino -ha aggiunto Trovato- riesca a ritrovare la strada persa nella coltre di nebbia, dallo stesso prodotta”.

“I Cittadini -ha concluso- sanno bene chi ha fatto, chi non ha fatto e chi accampa pretese, e non certo chi, come Laboratorio Scicli che ha sempre lavorato per il bene della città…”.

Scicli Bene Comune spiega che il voto favorevole che esprime al rendiconto anno 2019 è dovuto “anche ad una assunzione di responsabilità che va oltre l’aver contribuito a determinare gli atti inerenti al documento stesso, ricordiamo che il nostro movimento ha fatto parte dell’amministrazione soltanto nell’ultimo mese del 2019….” .

Nella foto (repertorio) le consigliere comunali di Scicli Bene Comune. Da sx Maria Carmela D’Antiochia e Resi Iurato

SBC aggiunge: “Questa maggioranza che sta approvando il rendiconto e che da circa un anno amministra il nostro paese sta dando prova, pur nelle difficoltà ascrivibili alla grave emergenza sanitaria, di maturità, coerenza e rispetto delle Istituzioni che si riflettono poi nella cura e nel rispetto della propria comunità”.

La consigliera pentastellata, Concetta Morana, nella sua dichiarazione di voto parla di un’amministrazione comunale in scandaloso ritardo con i documenti finanziari.

Nella foto Concetta Morana

“…le criticità da me rilevate –ha detto Morana- sono state confermate e nulla è stato fatto dall’amministrazione affinché fossero risolte. Una su tutte è la spesa per il personale che ha sforato la soglia massima fissata dalla Corte dei Conti nell’approvazione del Piano di Riequilibrio”.

“Non si ha reale contezza -ha continuato- di quanto sia la spesa per la gestione dei rifiuti ma un sostanzioso incremento rispetto al 2018 c’è. Ad oggi in cassa ci sono circa 1.300.000 euro e questo significa che i conti del Comune sono in forte sofferenza. Le provvidenze della transazione ENI-Edison che sono arrivate al Comune sono state spese tutte ma senza coprire i debiti fuori bilancio, manovra necessaria per gli equilibri di bilancio perché molti debiti ci sono e devono essere pagati”.

“La confusione regna sovrana. Per questi ed altri motivi non mi è stato possibile esitare favorevolmente l’atto finanziario. Resto in attesa del previsionale –prosegue Morana- per avere un quadro ancora più completo della situazione anche se, visto che siamo a fine anno, più che di previsionale dovremmo parlare di un altro rendiconto”.

“L’amministrazione Giannone -ha concluso- si conferma sempre in scandaloso ritardo con i documenti finanziari ed anche la ‘rivoluzione gentile’ tarda ad arrivare”.