Scicli: servizi scolastici da “rivedere”, dialogo tra Pd e Amministrazione comunale

Il Partito Democratico: “Con l’assessore all’Istruzione Caterina Riccotti affrontate varie problematiche”

-Pubblicità-

SCICLI – Dallo scontro “infuocato” sulla lottizzazione a Donnalucata al dialogo costruttivo sui servizi scolastici a Scicli.

Il rapporto tra Partito Democratico e Amministrazione comunale continua a essere complesso e caratterizzato da alti e bassi.

Ora le parti affrontano insieme le varie problematiche del comparto scolastico.

Nei giorni scorsi –spiega il Pd-, mossi dalla consapevolezza che la situazione emergenziale ci mette tutti davanti alla necessità di agire celermente e alla responsabilità del confronto, abbiamo avviato un dialogo con l’assessore Caterina Riccotti circa i servizi scolastici”.

Il Partito Democratico illustra le problematiche sollevate e affrontate durante il confronto con l’assessore Riccotti.

Abbiamo evidenziato –prosegue- la lentezza con cui molte scuole hanno avuto una connessione internet sufficiente a garantire le lezioni a distanza”. Su questo il Pd è stato assicurato da Riccotti che “ad oggi, è presente una copertura internet e una digitalizzazione sufficiente per tutti gli istituti”.

Il dialogo si è soffermato anche sulla mensa. “Abbiamo segnalato –afferma il Pd- il ritardo con il quale inizierà questo servizio che, in un momento così delicato e incerto per tante famiglie, potrebbe diventare una vera risorsa per la nostra comunità”.

Sulla mensa il Partito democratico aggiunge: “Contrariamente a quanto precedentemente annunciato dall’amministrazione, il servizio sarà fornito su appalto esterno e quindi non aprirà la cucina comunale di via Pietro Nenni.

Durante il confronto le parti si sono concentrate anche sugli spazi esterni agli edifici scolastici, “troppe volte trascurati, dimenticati, poco vissuti”.

Proprio ora –continua il Pd- questi luoghi all’aperto potrebbero diventare una risorsa inestimabile per la salute fisica e psichica dei nostri ragazzi”.

Dal Partito democratico viene chiesto che tra le istituzioni cittadine e scolastiche ci sia un rapporto improntato sulla collaborazione comunitaria, e che “non si ripetano invece alcuni contrasti come quello tra l’amministrazione comunale e uno degli istituti comprensivi di Scicli di qualche settimana fa”.

In quest’ottica abbiamo chiesto all’assessore, che ha accolto con disponibilità il nostro invito, -conclude il Pd- di portare avanti insieme un progetto comune che veda il coinvolgimento di dirigenti scolastici, docenti, famiglie e di chiunque voglia fare rete e spendersi nella volontà di curare, riqualificare, arricchire le nostre scuole, certi che rifioriranno anche in emergenza”.