Distribuzione kit differenziata per le borgate e Jungi, “Servono più punti di ritiro”

La Lega Giovani Scicli giudica insufficiente la sola postazione di via Argo a Donnalucata attivata dal Comune per la consegna dei mastelli

-Pubblicità-

SCICLI – Non basta un solo punto di ritiro, predisposto dal Comune in via Argo a Donnalucata, per consegnare i kit per la raccolta differenziata ai residenti di tutte le borgate e del Villaggio Jungi.

La Lega Giovani Scicli giudica inadeguata la scelta presa da palazzo di città per la distribuzione dei mastelli. “Un Ente locale più accorto –scrive il movimento leghista- avrebbe previsto un punto di consegna per ogni borgata e uno dedicato solo a Jungi”.

Sono tre le principali problematiche, evidenziate dai Giovani della Lega, dovute all’attivazione di un solo punto di distribuzione. “Una decisione che provoca –afferma LGS- lunghe attese, specie nel caso di ritiro da parte di una persona delegata dall’intestatario TARI, l’impossibilità per i cittadini più anziani di recarsi a Donnalucata e ritirare quattro kit e, infine, il grave rischio di assembramenti”.

Anche le modalità con cui lo scorso ottobre sono stati consegnati nelle borgate i mastelli per la raccolta del vetro hanno lasciato qualche perplessità alla Lega Giovani Scicli.

Sono state fatte –si legge nella nota- pompose comunicazioni sui social di una fantomatica consegna porta a porta, che si è ridotta ad una distribuzione non comunicata per tempo (citofonare all’ultimo in qualche abitazione non è stato proprio il massimo) ai cittadini in specifici punti delle zone rivierasche”.

LGS dichiara di essere consapevole delle difficoltà logistiche, dovute soprattutto all’emergenza sanitaria, ma ritiene che “con un’adeguata organizzazione si potrebbe ancora rimediare al ‘caos’ delle ultime due settimane”.

Dalla Lega Giovani partono, quindi, dei suggerimenti, rivolti all’amministrazione comunale e alla ditta che ha in carico il servizio di raccolta rifiuti in città, per agevolare ai residenti delle borgate e di Jungi il ritiro dei mastelli.

Riteniamo, intanto, opportuno –dichiara LGS- prevedere date specifiche e ovviamente ripetute nel tempo, evitando così assembramenti e file. La distribuzione dei kit ai residenti di Cava d’Aliga e Sampieri potrebbe essere effettuata nei Centri d’Incontro. In alternativa per la borgata cavadalgese potrebbero essere previsti piazza Mediterraneo e il parcheggio di via Cleopatra, mentre per l’antico borgo marinaro sampierese consigliamo la zona tra il molo e la scuola elementare, alla fine di via Carignano.

Come siti per la distruzione dei kit dedicati, invece, ai residenti del Villaggio Jungi e di Donnalucata, la Lega Giovani consiglia, rispettivamente, di utilizzare contrada Zagarone e di mantenere attiva l’attuale postazione di via Argo nella borgata.

LGS aggiunge: “Cogliamo l’occasione per ringraziare gli operatori che sul campo si sono prodigati per ripulire le nostre strade e le nostre campagne nel giorno di Natale”.

“A tal proposito, condividiamo l’indignazione espressa dall’assessore comunale all’Ecologia, Bruno Mirabella, sulla vergognosa corsa a buttare i rifiuti nel giorno di Natale in cui non si è tenuto il servizio di raccolta porta a porta, essendo, giustamente, un giorno di riposo anche per gli operatori ecologici. A loro, così come alla Polizia locale per i costanti controlli, -conclude la Lega Giovani- va il nostro plauso e quello di tutta la cittadinanza”.