Scintille Lega-Civici e Progressisti, “Coalizione del Sindaco in stato confusionale”

Tributi e rifiuti alla base dello scontro. Replica del partito leghista alla maggioranza consiliare

-Pubblicità-

SCICLI – Clima particolarmente incandescente tra la Lega e il progetto politico sostenitore del primo cittadino, “Civici e Progressisti”. Le parti si scontrano sui temi che riguardano tributi e la gestione rifiuti.

Dal partito leghista contrattaccano per le accuse ricevute dalla maggioranza consiliare. Quest’ultima incolpa la Lega Scicli di pensare già alle prossime amministrative, “strumentalizzando” sul tema tributi, “invece di sollecitare il Governo regionale, a loro vicino, a elaborare un Piano rifiuti”.

La Lega intende fare chiarezza e pone una domanda a “Civici e Progressisti”: “è cinico o strumentale chiedere dei chiarimenti sul perché il Settore Tributi del Comune abbia approvato le tariffe TARI in data 28/12/2020 ed inviato a gennaio 2021 le relative bollette ai cittadini per il pagamento TARI 2020 con scadenza retroattiva del 30 novembre 2020 e 31 dicembre 2020? Senza dimenticare i circa 15000 avvisi di accertamento recapitati a gennaio per Imu, Tari, Tasi e idrico”.

Alla domanda risponde lo stesso partito, “punzecchiando” le forze di governo della città. Secondo la Lega, infatti, porre delle questioni o chiedere delle spiegazioni all’amministrazione comunale non può essere ricondotto al “cinismo o a una strumentalizzazione dei problemi dei cittadini”, ma al contrario “è alla base dell’attività dell’opposizione, specialmente quando questi chiarimenti sono di natura costruttiva”.

Punto per punto la Lega inizia a rispondere all’intervento di “Civici e Progressisti”, definiti dal partito “nostrani”.

In riferimento alla decisione assunta dall’Amministrazione, di concerto con i sindacati, di programmare le rateizzazioni relative ai tributi non pagati, con relativo abbattimento delle sanzioni pari al 30% -si legge nella nota a firma di Salvo Mallia, Pierluigi Aquilino ed Enzo Giannone, rispettivamente commissario provinciale, commissario cittadino e consigliere comunale del partito- sarebbe utile conoscere questa normativa”.

Invece, per quanto riguarda la rateizzazione delle bollette, -prosegue la Lega- ricordiamo che Civici e Progressisti non si sono inventati nulla di nuovo, essendo un diritto che la legge riconosce al cittadino.

Il partito aggiunge: “Vista la buona volontà della coalizione del Sindaco, chiediamo che, quanto prima, si proceda con l’incremento del numero ordinario per il pagamento delle bollette, dato che la distanza di soli trenta giorni appare troppo breve”.

Lasciato l’argomento tributi, l’attenzione della Lega si sposta sull’altro tema oggetto di scontro con le forze di governo della città. “L’impiantistica di prossimità dei rifiuti -precisa il partito- è di competenza specifica delle SRR e, a causa di una mancata progettualità riscontrata, la Regione Siciliana, tanto bistrattata dai Civici e Progressisti, ha già inviato due commissari”.

Considerato che la Lega non si erge a difensore d’ufficio di nessuno, -riporta la nota- riteniamo opportuno chiedere il motivo per cui non sono state individuate le aree dove realizzare la nuova discarica provinciale, fermo restando che a quanto pare il progetto dell’ampliamento della discarica Cava Dei Modicani di Ragusa è stato bocciato da parte delle autorità provinciali di competenza”.

La Lega sottolinea che la chiusura temporanea di Cava dei Modicani è relativa solo alla parte del secco, mentre per l’umido è perfettamente attiva e funzionante. La forza politica afferma, inoltre, di aver appreso che il DAR, il decreto autorizzativo, valevole per altri dieci anni, dovrebbe essere emesso a brevissimo da parte del Direttore Generale.

Come ultima precisazione sul tema rifiuti, la Lega ricorda alle forze di Governo della città che le loro uscite pubbliche “non rendono un buon servizio a chi tale coalizione la guida in quanto il sindaco di Scicli è il vicepresidente provinciale della SRR ATO 7 di Ragusa”.

Il partito leghista avverte uno “stato di confusione” all’interno di “Civici e Progressisti” e disapprova il loro comportamento volto nel “cercare continuamente lo scontro” con le altre forze politiche.

Un atteggiamento questo ritenuto non consono in quanto “non è certo di buon auspicio -afferma la Lega- per affrontare i problemi che attanagliano la nostra città in questo momento di gravissima crisi, in cui occorrerebbe agire con la massima attenzione e decisione”.

Respingiamo –conclude la nota- lo strumentale attacco politico della maggioranza ‘civica e progressista’, probabilmente dettato dalla scadenza elettorale che nel prossimo autunno vedrà i cittadini giudicare l’operato della Giunta”.