“Casa dell’acqua” a Scicli e Donnalucata

Il Comune cerca privati per la gestione

-Pubblicità-

SCICLI – Il Comune di Scicli al fine di fornire un servizio ai suoi cittadini e nel contempo ridurre la produzione di rifiuti derivanti dagli imballaggi in PET dell’acqua, intende organizzare sul proprio territorio comunale l’installazione di due impianti di filtrazione e distribuzione di acqua microfiltrata naturale e gasata, prelevata dall’acquedotto pubblico.

Tale struttura, denominata “Casa dell’acqua” è finalizzate a soddisfare le esigenze delle famiglie e dei Cittadini in una logica di risparmio economico. A tale scopo l’Amministrazione Comunale di Scicli, con deliberazione n. 25 del 09/04/2019, ha dettato gli indirizzi per una manifestazione di interesse finalizzata all’individuazione di operatori interessati alla concessione di suolo pubblico per l’installazione e la gestione, per un periodo di 5 anni, prorogabile per ulteriori 5 anni di due impianti di erogatore di acqua microfiltrata naturale e gassata (Casa dell’acqua).

Il Comune di Scicli intende concedere un’area di suolo pubblico per la realizzazione, installazione e gestione di due erogatori pubblico di acqua proveniente dall’acquedotto pubblico, refrigerata, in forma liscia e gassata (“Casa dell’Acqua”), per la vendita direttamente al consumatore finale di acqua potabile microfiltrata naturale e gasata, prelevata dall’acquedotto comunale, ad un costo non superiore a € 0,06 per litro.

Localizzazione dell’impianto
Le aree identificate per installare gli impianto sono le seguenti:

1)Rotatoria Ospedale – Via Ospedale.

2)Donnalucata, parcheggio di Via Merano.

L’ingombro del manufatto non potrà essere superiore a mq. 20,00, incluso lo sporto di eventuali pensiline/tetti, archetti para pedonali a protezione degli utenti per evitare interferenze con il parcheggio limitrofo e soluzioni di arredo urbano che saranno oggetto di proposta progettuale dell’impresa. La superficie pari a mq. 20 è da intendersi come superficie massima oggetto di concessione.

Durata della concessione

La durata della concessione è fissata in anni 5 a decorrere dalla data di sottoscrizione della Convenzione.  Al termine della Concessione, l’Ente avrà la facoltà di rinnovare la concessione con il Concessionario per ulteriori 5 anni. Nel caso che tale ipotesi non si verifichi, il Concessionario dovrà provvedere alla rimozione della struttura e al ripristino dello stato dei luoghi a proprie spese e cura e senza nessun onere, di qualsiasi natura, a carico del Comune.

Termine di esecuzione

Il distributore automatico di acqua alla spina per la vendita direttamente al consumatore finale dovrà essere installato e funzionante entro 90 giorni dalla firma della Convezione, pena la decadenza automatica della concessione stessa.

Oneri a carico del concessionario

Fornitura e installazione della “Casa dell’Acqua”, in struttura amovibile completa di sistema per l’erogazione di acqua microfiltrata refrigerata naturale o gasata nel rispetto dei requisiti tecnici minimi stabiliti dal Capitolato speciale.

Spese di gestione della “Casa dell’Acqua”:
– spese per l’installazione del distributore
– spese per l’allaccio idrico, scarico e costo di prelievo dell’acqua dall’acquedotto pubblico
– spese per l’allaccio elettrico e costo dell’energia elettrica
– spese per la pulizia e manutenzione dell’impianto
– eventuali oneri relativi alla videosorveglianza e sistemi di allarme.

Pagamento della tassa di occupazione del suolo pubblico

Opere accessorie per l’installazione delle “Case dell’acqua”, così come definito nel progetto presentato dal Concessionario

Gestione del servizio di CO2 alimentare

Pulizia e manutenzione dell’impianto (compresi filtri, lampade, piano di autocontrollo HACCP, etc..)

Analisi chimico-fisiche e microbiologiche previste dalla normativa vigente per le acque a uso potabile

Fornitura, installazione e cura dei sistemi di pagamento così come definiti nel progetto presentato dal Concessionario

Al fine di garantire e salvaguardare la pubblica e privata incolumità, l’impianto dovrà avere le seguenti caratteristiche tecniche minime:

Certificazione UNI EN ISO 900l: 2008 relativa alla specifica attività di progettazione, produzione e installazione di erogatori pubblici di acqua affinata e/o addizionata di gas ad uso alimentare;

Certificazione UNI EN ISO 22000: 2005 relativa alla specifica attività di progettazione, produzione e installazione di erogatori pubblici di acqua affinata e/o addizionata di gas ad uso alimentare;

Sistema di sanitizzazione programmata, almeno giornaliera, di tutto l’impianto attraverso l’utilizzo di apposita soluzione dosata in automatico. Il dispositivo deve prevedere inoltre un sistema di blocco dell’impianto ogni qualvolta il ciclo di sanitizzazione previsto non vada a buon fine.

Sistema di sanitizzazione dell’ugello erogatore di acqua.

Oneri a carico del Comune

Assegnazione al concessionario dell’area pubblica per un periodo di n. 5 anni eventualmente rinnovabile, alla scadenza, per ulteriori 5 anni.

Soggetti ammessi alla procedura e requisiti di partecipazione

Sono ammessi a partecipare alla procedura gli operatori economici di cui all’art. 45 del D.l.gs n. 50/2016, in possesso di iscrizione alla Camera di Commercio, Industria e Artigianato per l’esercizio dell’attività oggetto della presente Concessione e aventi i requisiti di ordine generale cui all’art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016. Tutti i requisiti vengono richiesti dovranno essere autocertificati, a pena di esclusione.

Termine e modalità di presentazione della domanda

La manifestazione di interesse e la documentazione da allegare dovranno essere contenute in un plico sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura, indirizzato a:

– “Comune di SCICLI” con riportato all’esterno della busta medesima la seguente dicitura: “MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DIRETTA ALLA CONCESSIONE DI AREA PUBBLICA PER L’INSTALLAZIONE E GESTIONE DI UNA CASA DELL’ACQUA”.

Il plico dovrà pervenire all’Ufficio Protocollo Generale del Comune di Scicli – Via Mormino Penna n°1, 97018 Scicli (RG), a pena di esclusione entro e non oltre il termine perentorio delle ore 12:00 del giorno 13/02/2020 mediante consegna a mano, per posta oppure per agenzia di recapito, a scelta del partecipante.

Il recapito del plico nel termine indicato rimane comunque ad esclusivo rischio dei mittenti. Si precisa che non saranno prese in considerazione manifestazioni di interesse inviate a mezzo pec o mail con contenuti non criptati da password. La password dovrà essere comunicata esclusivamente a mezzo pec entro tra le ore 9:00 e le ore 10:30 del giorno di apertura delle buste comunicato sul sito web www. Scicli.gov.it .

Il plico dovrà contenere, a pena di esclusione, al suo interno n. 3 buste a loro volta sigillate e recanti la dicitura: – Busta “A: Documentazione” – Busta “B: Offerta tecnica” – Busta “C: Offerta Economica”

La Busta “A” – Documentazione, chiusa e controfirmata su tutti i lembi di chiusura, dovrà recare ben chiara l’intestazione “BUSTA A: DOCUMENTAZIONE” e dovrà contenere i seguenti documenti e dichiarazioni: a) Lettera di manifestazione di interesse in carta semplice;

  1. b) Fotocopia di documento di identità personale in corso di validità del sottoscrittore della domanda;
  2. c) Certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, Industria e Artigianato non anteriore a 6 mesi;
  3. d) Dichiarazione autocertificata del legale rappresentante della Ditta attestante la regolarità contributiva.
  4. e) Dichiarazione autocertificata del legale rappresentante della Ditta di non trovarsi in alcuna delle cause di esclusione ai sensi dell’art. 80 del D.Lgs 50/2016;
  5. f) Dichiarazione autocertificata del legale rappresentante della Ditta riportante l’elenco delle concessioni per analoghi impianti assegnate negli ultimi 5 anni con indicazione dei Comuni concedenti;
  6. g) Attestato obbligatorio di sopralluogo e presa visione dell’area oggetto di concessione. L’attestato può essere rilasciato anche a persona munita di delega.
  7. h) Dichiarazione di impegno alla rimozione delle strutture e al ripristino dello stato dei luoghi a proprie spese e cura e senza alcun onere, di qualsiasi natura, a carico del Comune, allo scadere della Concessione o del suo rinnovo, redatta in carta semplice e firmata in calce dal legale rappresentante o titolare della Ditta offerente.
  8. i) Dichiarazione di impegnarsi alla stipula, prima dell’avvio del servizio oggetto della Concessione, di una specifica assicurazione, per tutta la durata della Concessione, per la copertura della responsabilità civile verso terzi (RCT) e verso i prestatori di lavoro (RCO – RCI) per gli eventuali danni, a persone e/o cose, derivanti dalla gestione del servizio oggetto della Concessione, con le prescrizioni ed i massimali previsti dall’articolo 11 “Coperture assicurative” del Capitolato speciale.
  9. j) Copia del Capitolato speciale timbrato e firmato su tutte le pagine per accettazione dal rappresentante legale della Ditta o da un suo procuratore.
  10. k) Certificazione UNI EN ISO 9001: 2008 relativa alla specifica attività di progettazione, produzione e installazione di erogatori pubblici di acqua affinata e/o addizionata di gas ad uso alimentare. La presente certificazione dovrà essere fornita in originale oppure in fotocopia. In quest’ultimo caso, alla fotocopia dovrà essere allegata una dichiarazione di conformità all’originale a firma del legale rappresentante della Ditta alla quale la certificazione è rilasciata;
  11. l) Certificazione UNI EN ISO 22000: 2005 relativa alla specifica attività di progettazione, produzione e installazione di erogatori pubblici di acqua affinata e/o addizionata di gas ad uso alimentare. La presente certificazione dovrà essere fornita in originale oppure in fotocopia. In quest’ultimo caso, alla fotocopia dovrà essere allegata una dichiarazione di conformità all’originale a firma del legale rappresentante della Ditta alla quale la certificazione è rilasciata. Nel caso di RTI, la lettera di manifestazione di interesse e le dichiarazioni ed attestati previsti al punto precedente dovranno essere sottoscritti dai legali rappresentanti di tutte le Imprese facenti parte del raggruppamento.

La Busta “B” Offerta tecnica chiusa e controfirmata su tutti i lembi di chiusura, dovrà recare ben chiara l’intestazione “BUSTA B: OFFERTA TECNICA”. L’Offerta tecnica dovrà essere timbrata e firmata su tutte le pagine dal rappresentante legale della Ditta o da persona abilitata a farlo. Nel caso l’offerta sia formulata da un Raggruppamento Temporaneo di Imprese, l’Offerta tecnica, pena l’esclusione dalla procedura, dovrà essere sottoscritta da tutte le Imprese costituenti il Raggruppamento L’Offerta tecnica dovrà contenere:

  1. a) Proposta progettuale contenente: schema progettuale della struttura da installare, specifiche tecniche dell’impianto, modalità e sistema di pagamento e tempi di realizzazione dell’impianto (cronoprogramma). La proposta progettuale dovrà tener conto dei requisiti tecnici minimi previsti dall’art. 5, punti 5.1 e 5.2 del Capitolato speciale.
  2. b) Materiale informativo (depliant/fotografie o disegni di impianti-tipo) ritenuto utile ad illustrare sinteticamente l’operato e i prodotti offerti della Ditta partecipante;
  3. c) Relazione sintetica in merito al sistema di sanitizzazione programmata dell’impianto ed il sistema di sanitizzazione dell’ugello erogatore di acqua.
  4. d) Eventuali Soluzioni di arredo urbano nell’area circostante il distributore nell’ambito della porzione di suolo pubblico oggetto di concessione (mq. 20)

La Busta “C” Offerta economica chiusa e controfirmata su tutti i lembi di chiusura dovrà recare ben chiara la dicitura “BUSTA C: OFFERTA ECONOMICA” e dovrà contenere l’offerta economica relativa al prezzo dell’acqua.

Cause di esclusione

Il Comune, oltre ai casi previsti dalla Legge e da altre disposizioni del presente Avviso, escluderà le offerte condizionate o comunque non conformi alle prescrizioni del presente Avviso.  Saranno escluse, in qualunque momento coloro che si saranno resi colpevoli di dichiarazioni false e/o mendaci.

Commissione di gara 

Le domande pervenute nei termini saranno valutate da una Commissione nominata con determinazione del Responsabile del Settore V composta dal Responsabile del Settore V, in qualità di presidente, da due componenti esperti – dipendenti del comune di Scicli o esterni.

Le funzioni di segretario potranno essere svolte da uno dei componenti la Commissione ovvero da un dipendente del Comune di Scicli.

Criterio di aggiudicazione 

L’aggiudicazione della Concessione avverrà con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, di cui all’art. 95 del D.Lgs n. 50/2016, determinata in base alla valenza tecnico – qualitativa della proposta progettuale e al ribasso percentuale rispetto al prezzo base di vendita dell’acqua pari ad € 0,06 per litro.

La valutazione dell’offerta tecnica e dell’offerta economica sarà effettuata sulla base dei seguenti punteggi: OFFERTA TECNICA= PUNTI 70

OFFERTA ECONOMICA = PUNTI 30

Per informazioni sul presente avviso gli interessati possono rivolgersi al responsabile del procedimento sig. Ing. Andrea Pisani

–responsabile del Settore V presso il Comune di Scicli Telefono 0932 839292 Mail settore5@ Scicli.gov.it  Il presente Avviso/bando è pubblicato all’Albo pretorio e sul sito internet del Comune di Scicli www. Scicli.gov.it – sezione “Amministrazione trasparente”, sotto sezione “Bandi di gara” ed è disponibile anche presso il Settore V.

Comune di Scicli