Centro vaccini Scicli, il Sindaco: “Se fosse stato chiuso sarebbe un fatto grave”

Giannone ha chiesto questa mattina chiarimenti al direttore dell’Asp 7 di Ragusa, Angelo Aliquò

-Pubblicità-

SCICLI – “Da oggi il centro vaccinale dell’ospedale Busacca potrebbe non essere più in funzione”. La notizia non è stata confermata, ma il sindaco di Scicli, Enzo Giannone, vuole vederci chiaro e scongiurare eventuali imprevisti.

Della possibile disattivazione della postazione vaccinale presso il nosocomio sciclitano ne sono venuto a conoscenza nelle ultime ore da fonti indirette”, ha spiegato il primo cittadino che aggiunge: “Con l’eventuale chiusura del centro vaccini di Scicli, operante finora efficacemente, anche con il supporto dei volontari della Protezione civile organizzati dal Comune, gli sciclitani aventi diritto in questa fase si dovranno spostare a Modica o in altre città della Provincia per la somministrazione delle dosi.

Giannone auspica che si tratti di voci infondate “anche se si sa per certo che soggetti ultraottantenni, oltre a personale scolastico, -scrive il Sindaco- sono stati già indirizzati presso i centri vaccini di Modica, Ragusa, Comiso e Vittoria.

Il primo cittadino ipotizza anche un’eventuale fondatezza delle sue fonti. “Se invece la notizia risponde a verità, cioè se a Scicli fosse stato chiuso il centro vaccinale del ‘Busacca’, previsto dal piano regionale dei vaccini, sarebbe un fatto grave, penalizzante dell’intera comunità cittadina. Tanto più se del fatto non fosse stato informato preventivamente il Sindaco, massima autorità sanitaria della città”.

Confidando nella solita disponibilità del direttore generale dell’Asp di Ragusa, Angelo Aliquò, ho chiesto stamane formalmente –conclude Giannone- chiarimenti sul funzionamento del centro vaccinale di Scicli, aspettando una pronta risposta ad una domanda che in questo momento crea grande disagio, sconforto e anche malcontento tra tutta la popolazione di Scicli”.