Ritrovato e fermato a Scicli il 44enne Gianluca Agolino

Da un mese le forze dell’ordine lo cercavano. L’uomo è stato condotto nel cento terapeutico di Ragusa da dove si era allontanato un mese fa

-Pubblicità-

SCICLI – E’ stato ritrovato e fermato stamattina a Scicli Gianluca Agolino, sciclitano di 44 anni, ritenuto socialmente pericoloso, che lo scorso metà febbraio si era allontanato da un Centro terapeutico di Ragusa dove si trovava ricoverato.

Sono stati i Carabinieri a rintracciarlo, dopo averlo cercato per circa un mese a Scicli e nel circondario anche con l’ausilio di unità cinofile ed elicotteri. L’uomo è stato già ricondotto nella struttura di ricovero da dove era riuscito a scappare. Sono stati i Militari dell’Arma di Scicli e Donnalucata a bloccarlo nella zona di Jungi in un casale abbandonato. E’ stato un carabiniere libero dal servizio a riconoscere l’uomo che si aggirava con il capo coperto da una parrucca con lunghi capelli e segnalarlo. Le ricerche sono state coordinate dalla Prefettura di Ragusa

Avrebbe vissuto nelle zone di Scicli, vivendo di espedienti e sfuggendo alle ricerche per l’insofferenza alle misure di sicurezza.

 

Agolino, in passato, si era reso protagonista a Scicli, di una serie di episodi criminali. Nel 2016 forzando la recinzione dell’autoparco comunale, aveva dato alle fiamme quattro autovetture di servizio della Polizia locale. Era anche stato arrestato nello stesso anno per un’altra rapina compiuta ai danni di un tabacchi di Sampieri.