Lotta al Covid-19, all’Avis Scicli raccolto altro plasma iperimmune

La donazione è stata fatta dai giovani medici e infermieri dell’Asp di Ragusa che hanno ricevuto il vaccino contro il coronavirus

-Pubblicità-

SCICLI – Continua l’impegno dell’Avis di Scicli nella lotta al coronavirus. Lunedì scorso si è svolta la seconda raccolta straordinaria (la prima a febbraio) di plasma iperimmune, il prezioso emocomponente ricco di anticorpi naturali, utilizzato nel trattamento dei pazienti affetti da Covid-19 e donato dalle persone guarite dall’infezione o vaccinate.

Nella sede avisina locale sono arrivati giovani medici e infermieri dell’Asp di Ragusa che hanno risposto presente all’appello lanciato dall’Avis di Scicli, decidendo così di donare.

La seconda raccolta straordinaria è stata fortemente voluta dalla nostra Avis -si legge in un comunicato-, in accordo con i Centri Trasfusionali di Modica e Ragusa ed organizzata grazie anche allo straordinario impegno e supporto del nostro Direttore Sanitario Giovanni Bonvento”.

Abbiamo inoltre avuto il piacere di ospitare per info ed adesioni AIDO e ADMO, due associazioni che, come la nostra -prosegue l’Avis-, promuovono da anni la cultura del dono e della civiltà solidale, sempre in prima linea nell’impegno a favore di quanti necessitano di questo prezioso dono da donatori anonimi, gratuiti e volontari”.

L’Avis annuncia per aprile una terza giornata di raccolta di plasma iperimmune la cui data sarà comunicata nei prossimi giorni.