Alla ricerca di alberi da depredare

Furti di carrube, anche le campagne di Scicli nel mirino dei ladri. “Servono più controlli da parte delle Forze dell’Ordine”

-Pubblicità-

SCICLI – Anche le campagne sciclitane sono nel mirino dei ladri. Confagricoltura, in questo periodo dell’anno, pone l’accento sul furto di carrube e lancia un SOS.

“Con l’avvicinarsi del periodo della raccolta delle carrube che, stando alle previsioni, quest’anno dovrebbero avere un prezzo non bassissimo -si legge in una nota di Confagricoltura-, iniziano a palesarsi nelle campagne iblee i primi furti e le prime ‘ronde’ alla ricerca di alberi particolarmente carichi”.

“Ci sono giunte diverse segnalazioni da parte di imprenditori associati –spiega il direttore di Confagricoltura Ragusa, Giovanni Scucces– sulla presenza di persone nei loro carrubeti, alla ricerca di alberi da depredare. Qualcuno ha già subìto furti di carrube, anche se ancora non mature”. 

Scucces chiede alle autorità preposte “di intervenire immediatamente predisponendo una maggiore presenza delle Forze dell’Ordine nelle nostre campagne, al fine di prevenire furti dannosi che, altrimenti, si consumerebbero in modo indisturbato”.

Confagricoltura invita chi acquista carrube “a tutelare i produttori e a combattere il mercato nero, verificandone sempre la tracciabilità”.