A Scicli una rassegna cinematografica dedicata al “Classico Italiano”

“Il progetto nasce come un doveroso omaggio a Luciano Ricceri: la persona a cui si deve l’identificazione di Scicli con il paese immaginario di Vigata, reso celebre dalla penna di Andrea Camilleri”

-Pubblicità-

SCICLI – Presentata ieri mattina a Palazzo Bonelli-Patanè la manifestazione dal titolo “Classico italiano”, che comprende una sezione di docufilm “Classico Ibleo” volta a valorizzare artisti locali, soprattutto giovani talenti, che con le loro opere si sono distinti in ambito nazionale riscuotendo consensi di pubblico e di critica.

“Classico italiano” è un contenitore culturale, promosso dall’associazione culturale “Donna Lidda” di Scicli, che comprende otto date, tra Scicli e Marina di Modica, nel periodo che va dal 5 al 21 agosto prossimo.

Prevista la proiezione di otto film-cult, di cui sette restaurati in versione digitale con dedizione e competenza dalla Cineteca Nazionale e uno da Cinecittà Luce, che hanno scritto pagine memorabili nella storia del cinema italiano, e quindi mondiale.

Qual è la mission dell’iniziativa? “La mission che gli organizzatori si propongono –riporta un comunicato stampa- è fortemente legata alla suggestione originata dal territorio sulla spinta della fortunata fiction del ‘Commissario Montalbano’, fondata sugli scritti del mai dimenticato Andrea Camilleri e che hanno visto Scicli, Modica, Ragusa, Ispica e Noto come location di incommensurabile bellezza sdoganando alla visione del pianeta angoli e paesaggi mai visti”.

Nella foto Marco Sammito (a sinistra) e Daniele Manenti (a destra)

“I luoghi scelti per ‘Classico Italiano’ e ‘Classico Ibleo’ -si legge- sono il suggestivo spazio verde del giardino di Palazzo Bonelli-Patanè, il Cine Teatro Italia entrambi a Scicli e l’Auditorium di Marina di Modica”.

“L’evento non poteva non dedicare una grande soirée a Luciano Ricceri. Un omaggio allo scenografo dell’intera serie del “Commissario Montalbano”, scomparso nel febbraio dello scorso anno, e a cui va la paternità della scelta dei siti e di Scicli in particolare. Le scelte di Ricceri -spiegano gli organizzatori- finirono poi per condizionare lo stesso Camilleri in quelle riguardanti le ambientazioni dei suoi racconti sul commissario”.

“Classico Italiano”, che comprenderà anche incontri con i protagonisti delle opere e importanti personaggi del mondo dello spettacolo, curerà la presentazione di libri per lo più edizioni del CSC.

Nel corso della manifestazione saranno ricordati i quarant’anni dalla morte di Romolo Valli, i cento anni dalla nascita di Alberto Sordi, i cinquant’anni del film “Il Giardino dei Finzi Contini” di Vittorio De Sica che vinse l’Oscar nel 1972. Per questa opera l‘organizzazione si avvarrà del supporto di Cinecittà Luce, primo promotore del progetto di recupero.

Nella foto da sinistra: Vito Zagarrio, Marco Sammito e Daniele Manenti

“Classico Ibleo” vedrà due appuntamenti: il 30 di agosto con docufilm di Alessia Scarso e Vito Zagarrio e il 1° settembre con una rassegna di brevi filmati di artisti sciclitani a cura di Marina Melilli e Sara Gazzè.

SCHEDA ASSOCIAZIONE “DONNA LIDDA”

L’associazione culturale “Donna Lidda” si ispira ad un personaggio che nel corso della sua lunga vita ha scritto pagine importanti nella storia di Scicli.

Lidda (Bartolomea) Aprile Vindigni ha lasciato la sua esperienza terrena nel marzo del 2019. Aveva 90 anni.

Figura singolare nella Scicli del secolo scorso. Comportamento sobrio e misurato, sorridente, affabile e cortese, colta di quella cultura popolare che è stato il risvolto fedele di una vita dedicata al lavoro e alla famiglia.

Donna Lidda, commerciante, imprenditrice illuminata e di larghe vedute già a suoi tempi, è stata autrice di alcune raccolte pubblicate in libri: “Donna Lidda Rìcia”, un volume che raccoglie proverbi e modi di dire tratti dalla cultura sciclitana, e “Vo Vuschiti u pani” che racconta la sua storia, la sua vita vissuta, instancabile lavoratrice, educata al lavoro quotidiano e al sacrificio così come le era stato insegnato dai genitori, commercianti di prodotti agricoli.