“Classico Italiano” saluta Scicli

Sabato scorso al giardino “Bonelli – Patanè” riflettori accesi sul film “Mignon è partita”, diretto da Francesca Archibugi

-Pubblicità-

SCICLI – Dopo aver regalato alla città cinque serate all’insegna del cinema, “Classico Italiano” lascia Scicli per trasferirsi, come da programma, a Marina di Modica per gli ultimi tre appuntamenti.

Sabato scorso, la rassegna cinematografica ha salutato la cittadina barocca con il film “Mignon è partita”, diretto da Francesca Archibugi. La regista, attualmente impegnata in un set, è stata presente “virtualmente” nel giardino “Bonelli – Patanè” dove è stata proiettata una sua intervista, registrata e concessa a “Classico Italiano”.

Archibugi ha affronto i temi del film, incentrato su uno scontro tra generazioni, giovani e adulti, sull’accesa vitalità e sul processo di crescita dei ragazzi che si contrappongono al rassegnato torpore e alla mediocrità di genitori e parenti.

Nella foto la proiezione dell’intervista concessa dalla regista Francesca Archibugi

La pellicola, rivelatasi una grande sorpresa per il tema che la giovane regista affrontava già nel 1988, dispiega ancora oggi i suoi effetti su alcune questioni che sono rimaste incomprese e per certi versi irrisolte. Archibugi è un’artista, oggi nel pieno della maturità, che seppe cogliere le trasformazioni di una società che si apriva all’ultimo percorso di un millennio, sapendolo analizzare e raccontare con una prosa filmica di grande effetto e suggestione.

Tra i protagonisti del film, Massimo Dapporto intervenuto nel corso della serata. In collegamento streaming, rispondendo alle domande di Mario Militello, Caterina D’Amico e Marco Sammito, l’attore ha tracciato le atmosfere di quel set, così variegato nelle sue componenti, e del come si evidenziava la differenza tra le esperienze di teatro di ognuno rispetto a quello di stare di fronte ad una cinepresa.

“Classico Italiano” si sposta adesso nella borgata modicana, precisamente all’Auditorium “Nannino Ragusa”: il 17 agosto con “Il Gattopardo”, di Luchino Visconti in versione restaurata, ore 21.30; il 20 agosto con “Alberto il Grande”, documentario di Luca e Carlo Verdone, ore 22; il 21 agosto con “Polvere di Stelle” con Alberto Sordi e Monica Vitti.