Domani seduta agostana per il Consiglio comunale di Scicli

Quattro punti all’ordine del giorno, ad essi si aggiungono 4 emendamenti presentati dal consigliere Enzo Giannone della Lega Scicli

-Pubblicità-

SCICLI – Consiglio comunale agostano, domani alle ore 18, per l’esame di 4 punti all’ordine del giorno. Consiglieri e assessori comunali sfideranno la calura di agosto, in un’aula in cui l’aria condizionata non funziona tanto bene.

Al primo punto proposta di deliberazione per il programma triennale delle opere pubbliche e programma biennale dei beni e servizi 2021-2022. Seguono altre proposte di deliberazione relative a: piano delle valorizzazioni e alienazioni immobiliari triennio 2021-2023; quantità e qualità delle aree fabbricabili da destinarsi a residenza, ad attività produttive e terziarie per l’anno 2021 di proprietà del Comune di Scicli; integrazione all’allegato A (elenco vie ad alta intensità di traffico) del regolamento comunale per il rilascio del contrassegno invalidi e concessione di spazi di sosta ad essi riservati.

Nella foto il consigliere comunale Enzo Giannone

Per la stessa seduta consiliare il Consigliere comunale della Lega Scicli, Enzo Giannone, ha presentato 4 emendamenti al Piano triennale alle opere pubbliche 2021-2023, avente ad oggetto: adeguamento alle norme vigenti, fonti di approvvigionamento idrico comunale relativi al pozzo Dammusi di Donnalucata e alla sorgente Salto di Lepre di contrada Fiumara e relativi serbatoi idrici da considerare nell’annualità 2021, mentre le restanti fonti idriche vanno inserite nell’annualità 2022; messa in sicurezza della via Carlo Ranzani, mediante la realizzazione di un muro di sostegno e del manto stradale, oltre alla realizzazione del manto stradale di alcuni tratti stradali di contrada Zagarone aperti al traffico intenso veicolare e di uso pubblico; bonifica della discarica di San Biagio, mediante la tecnica del “Landfill Mining”; lavori di messa in sicurezza e ripristino manto stradale, nelle parte ammalorate, sia in asfalto o con calcestruzzo e rete elettrosaldata, aperti al traffico intenso veicolare sia ex consortili, vicinali interpoderali, a condizione che siano ad uso pubblico.