Scicli: stasera “Classico Ibleo” con Alessia Scarso, Andrea Errera e Vito Zagarrio

Alle ore 21 si alza il sipario sull’evento collaterale di “Classico Italiano” dedicato ai registi e ai docufilm della nostra terra

-Pubblicità-

SCICLI – Tutto pronto per stasera al giardino interno di palazzo “Bonelli – Patanè”, dove, alle ore 21, si leverà il sipario su “Classico Ibleo”. E’ l’evento collaterale, dedicato ai registi e ai docufilm della nostra terra, della rassegna cinematografica “Classico Italiano”, organizzata dall’associazione “Donna Lidda”.

Verranno presentate al pubblico quattro produzioni di tre artisti che con Scicli hanno un legame professionale e affettivo.

Alessia Scarso, la regista di Italo, farà parte della serata con due sue produzioni: “Maria SS delle Milizie”, che descrive l’icona della cristianità, essendo l’unica Madonna guerriera a cavallo, e “Spot D’Autore”.

Si passerà poi al Sud – Est e alle sue magnificenze con il corto di Andrea Errera, dal titolo “Promozione turistica del Val di Noto”. Regia, riprese e montaggio di “Casa trentatré”.

A seguire un docufilm su un caposcuola dell’assortita compagnia del Gruppo di Scicli: Franco Polizzi. Vito Zagarrio, regista, storico del cinema, critico cinematografico presenta: “Franco Polizzi parte II – lasciare le tracce”.

“’Lasciare le tracce’ è l’ideale continuazione -commenta Vito Zagarrio- di un primo documentario sul pittore sciclitano, ovvero ‘L’immaginario e il visto’, presentato al ‘Costaiblea Film Festival’”.

Se “L’immaginato e il visto” si basava su alcune mostre di Polizzi e sulla sua opera, stavolta si tratta di una lunga conversazione tra il pittore e il regista Zagarrio su vari temi: la vita, la morte, l’essenza dell’arte, la relazione tra avanguardia e tradizione, il rapporto tra quadro e inquadratura cinematografica; e poi la lezione di Piero Guccione, il valore fondante del paesaggio ibleo, la voglia di “resilienza”, il tema delle “eredità” culturali e artistiche.

Gli organizzatori di “Classico Ibleo” informano che durante la serata saranno garantite le misure anti-Covid, previste dalle disposizioni governative.