Scicli, inaugurata la mostra “Bartolomeo Militello: l’arte e i decori”

Le opere dell’artista sciclitano presentate a palazzo Spadaro ed esposte al ‘Museo del Costume’

-Pubblicità-

SCICLI – Nella sala “Falcone–Borsellino” di palazzo Spadaro è stata presentata al pubblico la mostra “Bartolo Militello: l’arte e i decori”. E’ stata Giovanna Giallongo, del Museo del Costume, a illustrare ai presenti le opere di Bartolomeo Militello.

Subito dopo è avvenuta l’inaugurazione dell’esposizione all’interno del Museo del Costume, che sarà uno dei siti visitabili nel corso del Festival de “Le Vie dei Tesori 2021” (2-3, 9-10, 16-17 ottobre).

L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 9 gennaio prossimo. La mostra presenta per la prima volta i disegni preparatori di alcune delle grandi tele, realizzate dallo sciclitano Bartolomeo Militello per le chiese di San Guglielmo e del Rosario, i disegni della chiesa di Santa Maria di Gesù, e i bozzetti di decori di residenze nobiliari e non. La presenza del carteggio contestualizza e aiuta a datare parecchi lavori che l’artista ha lasciato senza firma.

“È un percorso breve, in confronto alla vasta produzione esaminata, ma essenziale – ha detto durante la presentazione Giovanna Giallongo-, dal quale emerge l’artista a tutto tondo, quale è stato, capace di spaziare dal decoro neoclassico alla più impegnativa rappresentazione di scene religiose, il cui tratto morbido del disegno e i toni caldi dei colori, riescono a evocare una intensa forza narrativa e fanno dell’artista uno degli ultimi interpreti del Novecento religioso ibleo”.