Pallamano: nuovo allenatore per lo Scicli Sport Club

Sarà Rosario Cappello

-Pubblicità-

PALLAMANO – Lo Scicli Sport Club presenta il suo nuovo allenatore. Sarà il ragusano Rosario Cappello a guidare la prima squadra nel campionato regionale di serie B.

Il neo tecnico ha siglato un contratto annuale con opzione di rinnovo fino al 2024. Il suo “sì” al progetto biancoazzurro è arrivato al termine di una trattativa “lampo”, avviata la scorsa settimana dalla società e seguita da vicino dal direttore genarle, Carmelo Ficili.

Rosario Cappello nel corso degli anni è stato protagonista come atleta e allenatore e ha ricoperto anche i ruoli di dirigente federale e sportivo.

Sono molto contento di essere qui, si presenta così il nuovo allenatore biancoazzurro. “Sinceramente non mi aspettavo questa proposta. Mi inorgoglisce e mi responsabilizza molto. Quindi più che entusiasta sono preoccupato”, afferma sorridendo Cappello che aggiunge: “Eredito una panchina importante di una società che è al suo decimo anno di attività con campionati vissuti tra Serie A2 e B, sempre da protagonista”.

Nella foto Rosario Cappello

“La condizione attuale della rosa è ancora precaria, sia come organico ma soprattutto fisica, in quanto per motivi logistici legati all’indisponibilità del palazzetto, i giocatori non hanno sostenuto preparazione atletica e allenamenti”, ha proseguito.

Ho trovato un gruppo dirigenziale pieno di entusiasmo e dei giocatori che in parte conosco ed ho in passato allenato. Dai più ‘anziani’ – continua Cappello – mi aspetto molto, perché sono ancora in grado di fare la differenza, come mi aspetto moltissimo dai giovani, che sono molto interessanti, ma devono ancora imparare tanto”.

C’è molto da lavorare, loro lo sanno, come devono prendere consapevolezza che io ho fiducia e stima di ognuno di loro e soprattutto mi auguro che tutti abbiano fiducia in me, cosa indispensabile per affrontare una stagione che per noi ha l’obiettivo di centrare il 4° posto, utile per l’accesso ai Play-Off promozione in A2 Nazionale. Sarà un’impresa molto difficile, ma del resto – conclude Cappello –, le cose facili non mi sono mai piaciute.