Judo: la Koizumi di Scicli porta a casa nuove medaglie

Oro per Danilo Articolo e Savita Russo. Conquistano il bronzo Gabriele Carnemolla e Matteo Agosta

-Pubblicità-

JUDO – Terza in Italia e quattro medaglie portate a casa dai suoi atleti. I risultati ottenuti ai campionati cadetti, svoltisi la scorsa settimana, sono l’ennesima dimostrazione di come la Judo Club Koizumi di Scicli continua a farsi sempre più largo tra le migliori in ambito nazionale.

Sul tatami di Lido di Ostia, località sede della manifestazione, la scuola del maestro Maurizio Pelligra si è presentata con Gabriele Carnemolla (cat. 46 Kg), Matteo Agosta (cat. 50 Kg), Luca Licitra (cat. 50 Kg), Danilo Articolo (cat. 73 Kg) e Savita Russo (cat. 57 Kg). La squadra ha totalizzato due ori, altrettanti bronzi e un quinto posto.

Il primo atleta del quintetto della Koizumi Scicli a gareggiare è stato Carnemolla, già medagliato alla finale nazionale cadetti 2020. Il judoka, dopo aver disputato quattro incontri, di cui tre vinti per ippon e uno perso, è andato a podio, centrando il terzo posto.

Poi è toccato agli atleti Marco Agosta e Luca Licitra i cui cammini sono finiti per incrociarsi.

Agosta, nonostante uno stop forzato, ha iniziato la sua gara con grande grinta, chiudendo i suoi due primi incontri per ippon in pochi secondi. Al terzo incontro, dopo un lungo combattimento dominato per oltre otto minuti, tre ammonizioni assegnano la vittoria all’avversario.

Per lui l’impresa continua. Ed è qui che nella sua strada verso il bronzo incontra il compagno Licitra, sul quale ha la meglio, classificandosi al terzo posto e conquistando la cintura nera per meriti agonistici.

Prima di arrivare a contendersi il podio con Agosta, Licitra ha perso il suo primo incontro, ma poi ha reagito, disputando gli altri tre con grande convinzione. Il suo torneo nel complesso è stato positivo, chiudendo al quinto posto.

Dopo i due bronzi è il momento delle medaglie d’oro. Danilo Articolo riesce nella grande impresa. Sono sei gli incontri che ha dovuto disputare per giungere al gradino più alto del podio. Quelli che ha dovuto affrontare sono stati combattimenti molto intensi e ricchi di emozioni vinti tutti per ippon, aggiudicandosi il titolo di campione italiano e la cintura nera.

E’ stata la volta poi di Savita Russo, reduce da diverse medaglie ottenute nelle competizioni continentali, anche in ambito nazionale ha imposto la sua supremazia, vincendo per ippon tutti e cinque gli incontri disputati, aggiudicandosi il titolo di campionessa italiana.