Lo sciclitano Vincenzo Pelligra atleta dell’anno 2021

La cerimonia di consegna del premio si terrà il 21 dicembre alle ore 18 all’ex Provincia di Ragusa nella sala “Gianni Molè”

Foto web
-Pubblicità-

SCICLI – Gli ultimi due anni sono stati per lui ricchi di soddisfazioni e di risultati importanti che certificano la sua affermazione come giovane promessa del judo.

Stiamo parlando del 18enne sciclitano Vincenzo Pelligra, in rampa di lancio dopo varie affermazioni nelle competizioni nazionali e internazionali a livello giovanile.

Per l’allievo della Judo Club Koizumi Scicli è arrivato il momento di mettere in bacheca un altro riconoscimento, quello di atleta dell’anno 2021. Pelligra è infatti il vincitore della 54esima edizione del premio “Salvatore Padua”.

La commissione, presieduta da Adolfo Padua e composta da Salvatore Piazza (commissario straordinario Libero Consorzio Comunale Ragusa), Pina Distefano, Maria Monisteri, Sergio Cassisi, Alessandro Bracchitta, Claudio Alessandrello, Francesca Giucastro, Alfina Marino, Vito Veninata, Alessandro Bongiorno e Giuseppe La Lota, nelle scorse settimane ha esaminato tutti i curricula degli atleti, provenienti dalle federazioni e dalle società.

Per il riconoscimento erano in lizza anche Savita Russo per il judo, Vincenzo Naccarino per l’atletica leggera, Francesco Spampinato per la scherma e Federico Calcaterra per il windsurf.

All’unanimità si è deciso di premiare quindi il giovane judoka di Scicli per quanto ha fatto vedere in particolare nell’ultimo biennio: nel 2020 conquista un primo e un terzo posto al “Trofeo Alpe Adria” di Lignano e un argento alle “Italian finals” Under 21 di Brescia; quest’anno ha portato a casa due medaglie di bronzo agli “European Cup Under 21” di Udine e agli “European Junior Championship” in Lussemburgo, mentre lo scorso 9 ottobre si è piazzato al settimo posto ai mondiali di Olbia.

La cerimonia di consegna del premio si terrà il 21 dicembre alle ore 18 nella sala delle cerimonie dell’ex provincia di Ragusa, intitolata al giornalista Gianni Molè, che per diversi anni ha fatto anche parte della commissione giudicatrice.