La Settecolli Scicli a Ispica è ormai di casa

Tra la società sciclitana e il Comune ispicese un rapporto sociale consolidato che dura nel tempo

-Pubblicità-

SCICLI – L’Asdc Settecolli Scicli e la Città di Ispica, binomio che si può coniugare con “amore a prima vista”. Si tratta di un rapporto sociale consolidato che dura nel tempo. Infatti, non è la prima volta che lo società sciclitana ha organizzato attività federali FISPIC (Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e Ciechi), sia in ambito regionale che nazionale.

Le amministrazioni succedutesi nel tempo hanno messo a disposizione le strutture sportive, per cui forti di questa empatia, anche, per la stagione sportiva 2021/2022, la Settecolli Scicli, in occasione dell’organizzazione della Coppa Sicilia di Torball, ha bussato a Palazzo Bruno e l’amministrazione Leontini non ha fatto mancare il suo apporto.

Il vice presidente del Consiglio Serafino Arena assieme all’assessore allo Sport Lucia Franzò si sono mostrati molto sensibili alle richieste della società sciclitana, in tal modo, intraprendendo un percorso per rendere la Città di Ispica punto di riferimento dove svolgere le discipline sportive accessibili “ai diversamente abili”.

Per cui dopo la competizione regionale si è continuato con l’organizzazione della Coppa Italia di Torball, girone Sud, al Pala Brancati con le gare che si giocheranno sabato pomeriggio (14/20) e domenica mattina (9/13).

Il team composto da Paolo Carrubba, Giovanni Alberto Di Stefano, Giovanni Trovato, Giovanni Alfieri, Roberto Barone e Giuseppe Adamo (un ritorno per lui), guidato da Alessandro Carfì, dovrà giocare con le seguenti squadre: Asd Augusta No.Ve., Asd Reggina UIC Onlus, Gsd Nuova Realtà Campana, UIC G. Fucà di Enna, Gsd Colosimo di Napoli e As Pol. Olympia di Rende (CS).

Così, la Città di Ispica diventa protagonista per aver collaborato per la buona riuscita dell’evento sportivo, unica manifestazione nel Sud Italia. Una kermesse, inoltre, impreziosita dalla presenza del Vice Presidente della FISPIC, Giuseppe Vitale, nella doppia veste anche di atleta, con il Gds Nuova Realtà Campana.

Ad accogliere atleti ed accompagnatori saranno i ragazzi della Pro Loco “Spaccaforno”, i quali sotto l’attenta e sagace direzione del Presidente, dott. Giorgio Caccamo, hanno fatto un lavoro capillare, riuscendo a coinvolgere diverse strutture ricettive.

Tra l’altro, all’interno della palestra del Pala Brancati, la Pro Loco sarà presente con un “Info Point” dove sarà possibile reperire i moduli dell’autocertificazione obbligatoria per accedere all’interno dell’impianto. Nell’occasione saranno osservate tutte le precauzioni previste dalla vigente legislazione in materia di contenimento del virus (Covid-19) per ciò che concerne l’assembramento ed il distanziamento.

Nella foto il team che ha preso parte allo “Showdown”

L’Asdc Settecolli Scicli è stata impegnata in altre attività sportive federali, tra le quali lo “Showdown”. Di recente, precisamente, sabato 20 novembre a Catania presso l’Istituto per non vedenti “Ardizzone Gioieni” ha partecipato al campionato regionale con dieci atleti, risultando la squadra più numerosa.

A gareggiare per la categoria maschile: Giuseppe Amato, Salvatore Arrabito, Roberto Barone, Paolo Carrubba (classificatosi all’ottavo posto), Salvatore Cocciro e Giovanni Trovato. Per la categoria femminile: Daisy Avarino, Irene Barone (classificatasi al terzo posto), Michela Shaqiri, e Valeria Spata. Dignitosi piazzamenti, comunque, per tutti, come prima esperienza e suscettibili di miglioramento in prospettiva futura.

Ringraziamento e gratitudine verso i vertici della Sezione territoriale di Ragusa dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, presieduta dal dott. Salvatore Albani, sono stati espressi da tutti i soci che compongono il direttivo dell’Asdc Settecolli Scicli per aver dato un notevole contributo e concesso l’utilizzo del pulmino sezionale per effettuare la trasferta etnea.

Tutto il resto adesso tocca al campo e il team guidato da Alessandro Carfì cercherà di dare il massimo per ben figurare e, comunque, vada sarà sempre un successo, anche, tra tante difficoltà di ogni ordine.

Ottavio Modica