A Londra un libretto inedito del baritono Beneventano: la scoperta del maestro Pellegrino

Il manoscritto risale al 1856, periodo in cui l’artista risiedeva nella capitale inglese

-Pubblicità-

SCICLI – Un libretto inedito di circa 16 pagine, tra poesie e pensieri, che il baritono Giuseppe Federico Beneventano ha scritto e dedicato ai suoi colleghi artisti e alla produzione.

Si trova a Londra, precisamente al “Victoria and Albert Museum”, uno dei più importanti musei d’arte decorativa a livello mondiale, e a farne la scoperta è stato il maestro Marcello Giordano Pellegrino. Lo stesso riferisce che il testo risale al 1856. In quel periodo Beneventano era nella capitale inglese per la produzione e debutto dell’opera lirica “La Traviata” di Giuseppe Verdi al Gran Teatro di Sua Maestà.

Il libretto del baritono è così titolato: “L’addio: ai miei colleghi del giro artistico avvenuto dopo la riapertura del teatro di sua maestà in Londra”. Sarà il maestro Pellegrino (massimo studioso del Beneventano) ad occuparsi della consultazione diretta dell’opera scritta, per la trascrizione, stampa e diffusione.

Non è la prima scoperta in terra londinese che fa il maestro Pellegrino. Nel prestigioso “British Museum” individuò un autoritratto esposto del grande baritono Beneventano, realizzato dal pittore T. Scott Well e datato 1856.