Scicli, caccia agli automobilisti indisciplinati

La Polizia municipale ha sanzionato, dal 1 gennaio al 15 novembre di quest’anno, 227 persone che hanno occupato gli spazi riservati alle persone diversamente abili

-Pubblicità-

SCICLI – Prosegue l’azione di contrasto della Polizia municipale contro chi (senza averne diritto) occupa gli stalli riservati ai disabili. Sono state 227 le multe comminate dal 1 gennaio al 15 novembre di questo anno agli automobilisti indisciplinati.

Sul tema dell’accessibilità ai luoghi pubblici in favore dei portatori di diverse abilitàspiega l’assessora ai Servizi sociali, Simona Pitino -, il Comune di Scicli sta facendo molto sia sul piano dell’eliminazione delle barriere architettoniche che sul piano della repressione di comportamenti incivili”.

“Un dato su tutti. La Polizia municipale ha sanzionato – prosegue Pitino – automobilisti indisciplinati che parcheggiano negli stalli di sosta riservati ai disabili. La media è, purtroppo, di quasi una multa al giorno, il che rende chiaro quanto dura sia la repressione attuata”.

L’assessora Pitino aggiunge che: “Il Comune sta realizzando un percorso per ipovedenti da Largo Gramsci a piazza Carmine, lungo tutto il centro storico, con l’ulteriore abbattimento delle barriere architettoniche e l’installazione dei cartelli stradali per gli ipovedenti. L’intervento è stato finanziato nell’ambito della cosiddetta Democrazia Partecipata e con una quota parte di bilancio comunale”.

Intanto l’ok, dato dalla Sovrintendenza di Ragusa dieci giorni fa a nuovi interventi, permetterà al Comune, di eliminare ulteriori barriere architettoniche, anche in edifici pubblici, i cui lavori inizieranno a gennaio. Nel frattempo, è stata costruita una rampa per disabili in corrispondenza della farmacia comunale.

Il Comune si è dotato di un fiorino per il trasporto disabili, garantendo a decine di cittadini un servizio di grande utilità per chi, in ragioni di cure o di necessità mediche, deve raggiungere luoghi distanti.

Il tema delle diverse abilità è tanto caro all’amministrazione in carica – continua ancora l’assessora Pitino – ed è un fatto noto a tutti a Scicli. Basti ricordare che i siti culturali, da anni, sono gestiti da una cooperativa di tipo B che dei portatori di diverse abilità ha fatto un punto di orgoglio”.