Scicli: nuova luce per l’antico convento del Rosario

I lavori manutentivi riguarderanno le coperture, le strutture voltate, le murature, le pavimentazioni, il consolidamento e la messa in sicurezza delle strutture, il restauro delle superfici lapidee e la realizzazione dell’impianto elettrico, idrico e fognante

Nella foto il convento del Rosario
-Pubblicità-    

SCICLI – Interventi manutentivi per il convento del Rosario. Consegnati i lavori per il recupero e la conservazione dell’antico complesso conventuale di proprietà della congregazione delle suore Domenicane del Sacro Cuore. Sono previsti 560 mila euro.

Il progetto, finanziato dall’Assessorato Regionale alle Infrastrutture, prevede la riparazione e il miglioramento strutturale, insieme al risanamento e recupero dei locali.

Nello specifico, i lavori riguarderanno le coperture, le strutture voltate, le murature, le pavimentazioni, il consolidamento e la messa in sicurezza delle strutture. E ancora il restauro delle superfici lapidee e la realizzazione dell’impianto elettrico, idrico e fognante.

Allo stesso tempo, verrà realizzato uno spazio destinato alla raccolta differenziata dei rifiuti, prodotti dall’edificio, e verranno organizzati anche dei laboratori specifici, al fine di sensibilizzare i bambini sul riutilizzo del materiale di scarto.

“Lo avevamo detto in campagna elettorale – dice il sindaco Mario Marino e lo stiamo ribadendo con i fatti: il vero cambio di passo, la vera rivoluzione che attendeva la città e che ha dimostrato di volere con il voto libero e democratico di tre mesi fa, sta nella capacità di ottenere i finanziamenti e non perderli, compiendo tutti i necessari step amministrativi e burocratici che spettano al Comune”. 

“Questo vale sia per i finanziamenti regionali che per quelli del PNRR. Proprio su quest’ultimo versante, l’attenzione della nostra amministrazione e degli uffici comunali è mirata a partecipare a tutti quei bandi europei che rappresentano e rappresenteranno il principale strumento di intervento politico e amministrativo, per porre in essere una seria programmazione sociale, economica, digitale, ambientale e infrastrutturale, in grado di inciderechiude Marino – pesantemente e in meglio sullo sviluppo della nostra Scicli”.