Turismo Scicli-Malta, ci si rivede. Il Comune: “Scatta la fase due”

Da ieri i massimi rappresentanti della Mediterranean Tourism Foundation ospiti dell’amministrazione comunale. La delegazione maltese in città per toccare con mano le bellezze che il territorio offre. Confcommercio fulcro della collaborazione: “Siamo di fronte a grande opportunità per il comparto turistico locale e non solo”

-Pubblicità-    

SCICLI – Cresce il feeling tra la Mediterranean Tourism Foundation e l’amministrazione Marino, intenzionate a tessere una robusta e proficua partnership sul turismo.

Da ieri e fino a domani i massimi rappresentanti della maltese MTF (fondazione che si occupa di scambi culturali, turistici ed economici nell’ottica della creazione di una rete transfrontaliera di collaborazioni istituzionali) saranno a Scicli per visitare le bellezze e valutare da vicino le reali potenzialità turistiche del territorio.

Una “tre giorni” che segna l’inizio della seconda fase della collaborazione, intavolata dalle parti nel primo incontro, promosso da Confcommercio e svoltosi circa un mese fa nell’Isola dei Cavalieri.

Ieri mattina una prima delegazione proveniente da Malta, formata da Andrew Agius Muscat, segretario generale di MTF, dalla signora Munia Odeh Salem Salah e da Tonio Cini, è stata accolta dal sindaco Mario Marino.

Una seconda rappresentanza maltese arriverà in città per il prosieguo del progetto di scambio culturale, promosso dall’assessorato retto da Elio Tasca e realizzato grazie al determinante contributo di Confcommercio Sicilia e Scicli. La stessa associazione di categoria sta seguendo da vicino anche il secondo step della collaborazione, accompagnando le delegazioni maltesi nel loro tour in città.

L’obiettivo – afferma il presidente sezionale Confcommercio Scicli, Daniele Russinoè quello di concertare il monitoraggio delle caratteristiche dei nuovi mercati, circostanza imprescindibile per guardare al futuro con piena consapevolezza dei propri mezzi”.

Stiamo cercando di rafforzare le basi, gettate nel primo incontro di fine ottobre, di un gemellaggio che, per il futuro, può diventare un punto di riferimento essenziale per la crescita dei territori a cui lo stesso fa riferimento”.

Ora abbiamo la possibilità di ospitarli e cercheremo di mettere in evidenza quello che di buono riusciamo a veicolare. Siamo certi che soltanto attraverso l’unione si faccia la forza. Ed è il percorso – termina il presidente sezionale di Scicliche stiamo cercando di portare avanti”. Chi segue da vicino l’evolversi del progetto di promozione turistica è anche il numero uno di Confcommencio Sicilia, Gianluca Manenti.

Non ci sono dubbi – afferma Manenti – che quella che ci troviamo di fronte è una scommessa epocale. Occorre promuovere nuove politiche di crescita e di sviluppo coinvolgendo le realtà territoriali che ci stanno accanto, come, in questo caso, con l’isola di Malta”.

È una sfida non da poco che ci siamo intestati. Ma vogliamo portarla avanti, sapendo che il traguardo da raggiungere – termina il presidente regionale dell’associazione di categoria – consentirà alla nostra Isola di progredire ulteriormente.