Scicli: un Consiglio prima di Natale

La presidente del civico consesso, Desirè Ficili, ha fissato i lavori consiliari per mercoledì prossimo, alle ore 17. Dodici i punti all’ordine del giorno, molti dei quali presentati dai consiglieri del gruppo di opposizione “Caterina Riccotti sindaca”

-Pubblicità-    

SCICLI – Si andrà in aula a ridosso del Natale. Un Consiglio comunale “corposo” quello convocato per mercoledì prossimo, alle ore 17, dalla presidente Desirè Ficili. Verranno discussi ben dodici punti all’ordine del giorno, molti dei quali a firma dei componenti del gruppo consiliare di opposizione “Caterina Riccotti Sindaca”.

Numerose sono le mozioni e le interrogazioni da noi presentate”, annunciano i consiglieri Marianna Buscema (Italia Viva), Consuelo Pacetto (Start Scicli) e Bruno Mirabella (Scicli Bene in Comune), oltre a Riccotti stessa (Start Scicli).

Abbiamo voluto attenzionare – spiegano – alcuni aspetti delle problematiche quotidiane vissute dalla città e che necessitano, a nostro avviso, di essere discusse in Consiglio”.

È nostra intenzione fare notare come in molte parti della città i canali di scolo, a causa di erbacce e immondizia varia, non permettono il drenaggio delle acque. A tal proposito – aggiunge il gruppo consiliare – abbiamo presentato uno studio accurato, corredato di foto per affrontare al meglio il problema”.

Nella foto Bruno Mirabella, Caterina Riccotti e Marianna Buscema

Ci concentreremo pure – proseguono i Consiglieri – sulle borgate con alcune interrogazioni sulla manutenzione ordinaria e anche su quella straordinaria di cui avrebbe bisogno, ad esempio, la spiaggia di Micenci a Donnalucata.

Non abbiamo trascurato la circolazione stradale, analizzando in modo particolare – affermano – le criticità emerse con la nuova viabilità di corso Mazzini.

Riccotti, Buscema, Pacetto e Mirabella ritengono, inoltre, che “dopo aver espletato alcuni passaggi fondamentali, come quello del bilancio, sia consuntivo che previsionale, è giunto il momento di addentrarci sulle problematiche quotidiane della città”.

I quattro Consiglieri sono “in continuo ascolto dei cittadini e viviamo la nostra città, rendendoci conto in prima persona delle urgenze e delle istanze che attendono risposte.

Partendo dal nostro compito di vigilanza, abbiamo voluto porre all’attenzione dell’amministrazione comunale – concludono – le varie sollecitazioni per avere risposte certe e celeri”.