Scicli: riciclo e solidarietà, la “doppia” lezione degli alunni dell’istituto “Dantoni”

Le classi della scuola media, durante il periodo natalizio, hanno realizzato con del materiale di riciclo dei presepi, successivamente sorteggiati fra tutti i biglietti venduti. Il ricavato è stato devoluto all’associazione “Gli Amici di Italo”

-Pubblicità-    

SCICLI – Si può fare solidarietà anche riciclando. Ad insegnarlo sono gli alunni delle classi seconde della scuola media dell’istituto comprensivo “Giovanni Dantoni”. Loro, durante il periodo natalizio, sono stati protagonisti di un’iniziativa davvero ammirevole.

Nell’ambito del progetto di educazione ambientale, dal titolo “Amo e conosco la mia terra”, hanno realizzato dei piccoli presepi, utilizzando esclusivamente materiali riciclati. Ognuno dei quattro gruppi (formati da circa cinque ragazzi ciascuno), in cui sono state divise le classi partecipanti, ne ha costruito uno.

Risultato finale sedici lavoretti da assegnare a sorteggio fra tutti i biglietti venduti dalla scuola al costo di 1 euro.

Al progetto scolastico ha contribuito anche l’azienda “Gli Aromi” che ha donato una piantina, confenzionata insieme ai presepi.

È stato deciso poi di devolvere il ricavato della vendita dei tagliandi all’associazione “Gli Amici di Italo”, rimasta felicemente stupita difronte a tale gesto.

Un ringraziamento di cuore – commenta Resi Iurato, componente del gruppo animalista – alle classi seconde della scuola media ‘Dantoni’. Grazie in particolare alla preside Gabriella La Marca, ai professori Peppe Pisani e Luca Savarino, responsabili del progetto, e agli altri docenti che, con la loro collaborazione e disponibilità, hanno reso possibile tutto questo. Voglio ringraziare anche all’azienda ‘Gli Aromi’ per aver donato delle piantine aromatiche.

Nella foto Resi Iurato

La loro è stata un’idea originalissima. Sono riusciti a mettere in piedi una raccolta fondi e a coniugare, al contempo, l’attività scolastica a quella sociale”, ha proseguito Iurato.

Con i fondi che ci sono stati donati – conclude la portavoce de ‘Gli Amici di Italo’ – saremo in grado iniziare la cura di Wally, un cagnolino abbandonato e recuperato dal canile. In questo modo, potrà presto iniziare una cura sperimentale per la leishmaniosi e finalmente essere adottato.