Scicli, studenti in marcia per la “libertà”

Questa mattina il corteo studentesco ha attraversato alcune vie principali della città: partenza dalla sede centrale dell’istituto “Q. Cataudella” e arrivo in piazza Italia

-Pubblicità-    

SCICLI – A fare da apripista un trattore su cui è stato fissato un cartello con scritto “Valditara dimettiti!”. Dietro al mezzo agricolo si sono accodati in gran numero gli studenti dell’istituto superiore “Quintino Cataudella” che questa mattina hanno sfilato per alcune vie principali della città.

Il corteo, scortato lungo il tragitto dai Carabinieri e dalla Polizia municipale, è stato organizzato in segno di solidarietà verso i due liceali della scuola Michelangelo di Firenze che, sabato 18 febbraio, sono stati aggrediti da sei militanti del movimento di destra Azione Studentesca.

Durante la manifestazione è stata espressa vicinanza pure nei confronti della preside del liceo scientifico fiorentino “Leonardo Da Vinci”, Annalisa Savino. La dirigente scolastica ha, infatti, scritto un messaggio per condannare il pestaggio avvenuto davanti al “Michelangelo”. Una lettera che è stata fortemente criticata dal ministro dell’Istruzione e del merito, Giuseppe Valditara, contestato, appunto, oggi dagli studenti sciclitani.

Cartelli “antifascisti” e inneggianti alla “libertà”, con in sottofondo musica e cori, hanno caratterizzato il lungo corteo che, partito, dopo le ore 9, dal liceo di viale dei Fiori al Villaggio Jungi, ha attraversato viale I Maggio, via Bixio e corso Garibaldi, per poi concludersi con un presidio in piazza Italia. Qui SVN ha intervistato due studentesse del “Q. Cataudella”, nonché rappresentanti della consulta provinciale degli studenti, Carola Tumino Beatrice Cannizzaro.