Concluso il ciclo di riunioni del CPOSP, Scicli presente con la vice sindaco

Riccotti: “La coincidenza dell’avvio della stagione estiva con il passaggio in zona gialla ha fatto emergere un disagio sociale che si manifesta spesso in atti di vandalismo e di intemperanza”

-Pubblicità-

SCICLI – Si è concluso stamani nella sala consiliare del Comune di Modica il ciclo di riunioni del CPOSP (Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica). All’incontro erano presenti, insieme ai vertici delle Forze di polizia, della Capitaneria di Porto, dei Vigili del Fuoco, della Polizia Stradale e dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, i Sindaci di Modica, Pozzallo, Ispica e Scicli. Per quest’ultimo Comune era presente la vice sindaco Caterina Riccotti.

Nel suo intervento Riccotti ha rilevato che “la coincidenza dell’avvio della stagione estiva con il passaggio in zona gialla ha fatto emergere un disagio sociale che si manifesta spesso in atti di vandalismo e di intemperanza”.

Nella foto Caterina Riccotti

La stessa amministratrice ha reso noti, peraltro, i risultati raggiunti, oltre che attraverso una collaudata cooperazione con le Forze di polizia, anche tramite l’incisiva azione derivante dagli impegni sottoscritti nel “Patto di solidarietà diffusa” dal Comune con l’ASP e il mondo del volontariato.

Tutti gli amministratori presenti hanno messo in risalto talune problematiche di carattere economico-finanziario che impediscono di attuare una efficiente programmazione di assunzioni di personale qualificato da impiegare nelle attività di vigilanza e controllo.

Il Prefetto di Ragusa, Giuseppe Ranieri, ha sottolineato come l’aspetto economico-finanziario, messo a dura prova dalla crisi pandemica, sia strettamente correlato con la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica allorché il disagio economico-sociale diviene causa di ingiustificate manifestazioni di intolleranza civile.

“La sinergia tra istituzioni periferiche dello Stato ed amministrazioni locali -si legge in una nota della prefettura- è strategica nel modulare azioni di prevenzione e contrasto di comportamenti illeciti attraverso un’efficace azione di coordinamento interforze. Inoltre, ha rappresentato che l’individuazione di regole uniformi da prevedere in provvedimenti contingibili e urgenti da adottare in occasione dell’imminente stagione estiva non può prescindere dalle direttive che adotterà il Governo in materia di rimodulazione delle restrizioni anti contagio”.

Infine, il prefetto, confermando il massimo impegno delle Forze di polizia, ha richiamato l’attenzione sulla necessità di ricorrere a forme di convenzioni tra Comuni o di gestione consorziata di determinati servizi, anche in materia di polizia locale, al fine di sopperire alle carenze di personale da più parti rappresentate.