Resi Iurato e le politiche ambientali

SPAZIO ELETTORALE A PAGAMENTO - “Il territorio riparta dalla tutela dell’ambiente”

-Pubblicità-    

SCICLI – Prosegue la corsa della candidata Resi Iurato alla Camera dei Deputati per la lista Europa Verde-Sinistra Italiana.

Sono diversi i punti su cui poggiano le proposte di Iurato e riguardano energia, ambiente, clima, trasporti e rifiuti. Tutti temi collegati tra loro, la cui gestione può influire in maniera significativa sul futuro della nostra comunità e della Sicilia in generale.

Energia e Ambiente

•Puntare concretamente sulle energie rinnovabili, in particolare solare, eolico e biometano (prodotto da rifiuti agricoli e degli allevamenti bovini, esempio di economia circolare), con cui si coprirebbe l’intero fabbisogno energetico del nostro territorio. Non occorrerebbe più importare gas fossile a prezzi ormai fuori controllo, scongiurando di conseguenza il ritorno al nucleare.

L’istituzione di nuove aree protette (come il Parco Nazionale dei Monti Iblei), un piano straordinario di riforestazione e di tutela delle aree verdi esistenti, mediante una seria politica di prevenzione degli incendi.

Serve un piano straordinario di messa in sicurezza del territorio per contrastare il rischio idrogeologico”, afferma Resi Iurato che aggiunge: “Tale rischio è aumentato anche a causa dell’intensificarsi di caldo e siccità, seguiti da eventi di pioggia estremi, segno del riscaldamento del pianeta”.

“Per lo stesso motivo – prosegue la candidata –, proponiamo una serie di misure contro la desertificazione (riforestare, favorire l’introduzione di irrigatori ‘intelligenti’ controllati da sensori in agricoltura) e per l’efficienza del sistema di invasi e di acquedotti (utilizzare a pieno dighe e invasi, ridurre le perdite nella rete di distribuzione)”.

Mobilità sostenibile e rifiuti

•Un massiccio investimento sulla realizzazione di nuove infrastrutture ferroviarie, per avere anche nel nostro territorio una mobilità efficiente e sostenibile, all’altezza degli standard europei.

Priorità per due collegamenti veloci: uno da Ragusa e Catania e uno tra Ragusa, Caltagirone e Gela (per poi arrivare a Palermo tramite la linea già esistente in corso di potenziamento) e la realizzazione del servizio ferroviario metropolitano a Ragusa e Siracusa sulle linee già esistenti.

Le infrastrutture esistenti vanno gestite in modo efficace, aumentando la frequenza delle corse e introducendo orari cadenzati”, ha continuato Iurato.

“Occorre eliminare la coesistenza di bus e treno sullo stesso percorso e utilizzare invece i pullman, in coincidenza con i treni davanti alle stazioni, per collegare i centri non raggiunti dalla ferrovia, con un unico sistema di tariffazione. Vanno introdotti incentivi – conclude Iurato – all’uso del mezzo pubblico o dei mezzi a impatto zero (abbonamento gratuito per chi si sposta per lavoro, premio in denaro per chi utilizza la bicicletta o altro mezzo ecologico)”. 

Leggi e incentivi per la riduzione dei rifiuti alla produzione e la chiusura del ciclo dei rifiuti, con la realizzazione di impianti di compostaggio e riciclo per trattare tutte le frazioni dei rifiuti e non trasportare più rifiuti fuori Regione. La raccolta differenziata deve essere spinta al massimo, lasciando alla discarica o alla termovalorizzazione soltanto la minima parte non riciclabile.

Ufficio stampa candidata Resi Iurato