Violato il “Ciccio Scapellato”

CAMPIONATO DI PROMOZIONE (GIRONE D), 14ª GIORNATA - Contro l’Atletico Catania la prima sconfitta stagionale dopo due anni di imbattibilità casalinga

Un'azione di gioco della gara
-Pubblicità-    

SCICLI – Lo Scicli C. R. apre il nuovo anno con una prova insufficiente per ottenere la vittoria su un caparbio Atletico Catania. È stata la prima sconfitta in casa dopo due anni di imbattibilità.

Gli etnei erano andati sotto di una rete già nel primo quarto d’ora: Migliorino, al 17’, scuote la rete avversaria.

Al 32′ il direttore di gara concede un calcio di rigore agli ospiti: Mongelli dagli undici metri non sbaglia e ristabilisce l’equilibrio. Le squadre continuano ad affrontarsi a viso aperto fino al duplice fischio dell’arbitro.

Il rigore trasformato da Mongelli

Nella ripresa la squadra del presidente Angelo Massari, nonostante la mole di gioco e le occasioni create, subisce al 25’ il 2 a 1, sempre con Mongelli (autore di una doppietta).

Una sconfitta bruciante per i cremisi che restano, comunque, aggrappati al quinto posto. L’Atletico Catania ha dimostrato di valere la terza posizione in classifica.

Rammarico nello spogliatoio dello Scicli. “Dopo il vantaggio – ci dice il direttore generale Peppe Puglisi -, abbiamo avuto diverse circostanze per poter raddoppiare. Fino al 25′ del primo tempo avevamo gestito bene contro un avversario che lotta per un obiettivo importante come i play off”.   

Nella foto Peppe Puglisi

“Nel secondo tempo la voglia di riprendere la partita e tornare in vantaggio ci ha portato a subire il secondo gol. Ora – conclude Puglisi – dobbiamo concentrarci sulla prossima partita col Priolo. Il campionato non è finito, dobbiamo essere bravi a ripartire”.

Si ringrazia per la collaborazione Massimo Ventura e Davide Militello.