Scicli, partono due nuovi progetti all’istituto “Cataudella”

Programmi formativi finanziati dal Ministero dell’Istruzione con oltre 61 mila euro

-Pubblicità-

SCICLI – Sono stati autorizzati e finanziati dal Ministero dell’Istruzione due nuovi progetti elaborati dall’istituto superiore “Quintino Cataudella” di Scicli, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale (FSE) “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014 – 2020.

Il primo programma formativo, denominato “A scuola nessuno escluso”, è stato finanziato con 21.528 euro e comprende quattro moduli da 30 ore ciascuno: “Impariamo l’italiano”, “Sistemiamo un angolo della città”, “Impariamo a nuotare” e “Nuoto anch’io”.

Questo progetto – spiega il dirigente scolastico Enzo Giannoneprevede delle attività basate sulla lingua italiana, sull’educazione alla lettura dell’ambiente e del territorio, sullo sport e sul gioco”.

Esso mira a promuovere l’integrazione e a sviluppare il dialogo interculturale, facendo sì che gli studenti, in condizioni di disagio e con difficoltà nell’inserimento – prosegue Giannone –, possano sentirsi parte attiva di un mondo sempre più grande e interconnesso”.

Ammonta a 39.823,20 euro, invece, il finanziamento che il “Cataudella” riceve dal Ministero per attuare il secondo progetto, denominato “Apriamo la scuola al territorio”, costituito da quattro moduli da 60 ore ciascuno: “Certifichiamo le competenze linguistiche in inglese A2”; “Potenziamo le competenze linguistiche livello B1”; “Patente ECDL”; “Genitori”.

Nella foto il preside Enzo Giannone

Si tratta di un piano – aggiunge il preside – che mira a realizzare azioni specifiche di contrasto alla dispersione scolastica. Diamo così modo agli studenti di conseguire la certificazione linguistica riconosciuta dalla comunità europea (livelli A2/B1 lingua inglese) e la patente europea EDCL, utilizzando i laboratori multimediali. È prevista anche la cosiddetta ‘alfabetizzazione informatica’ dei genitori, al fine di coinvolgerli e sensibilizzarli maggiormente nelle scelte educative e formative dei propri figli”.

Come ho detto in altre occasioni, il nostro istituto si sta impegnando per offrire agli studenti e ai loro genitori delle opportunità concrete di riprendere quel cammino che la pandemia ha profondamente segnato e a tratti interrotto, ha affermato Giannone.

Gli uffici e tutti i docenti hanno lavorato sodo e continuano a farlo, giorno dopo giorno, per garantire alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi la possibilità di tornare a vivere la scuola a tempo pieno. Vogliamo che il ‘Cataudella’ – conclude il dirigente scolastico – continui ad essere visto dagli studenti come un luogo di convivenza e di condivisione, dove trascorrere piacevoli giornate”.