Scicli: l’adrenalina dell’Enduro nell’area Zagarone – Gurgazzi

La zona artigianale ha ospitato la quarta prova del campionato regionale. Gli amici del Moto club e del “Fifì Racing Team”, insieme ai parenti, hanno fortemente voluto dedicare la competizione alla memoria di Marco Buonomo. L’assessore comunale allo Sport, Giuseppe Puglisi: “Spero sia solo l'inizio di una lunga serie di manifestazioni sportive in città”

Luca Modica
-Pubblicità-    

MOTOCICLISMO – Scicli si riscopre appassionata di Enduro con la quarta prova del campionato regionale, svoltasi nell’area di contrada Zagarone-Gurgazzi. Tre le categorie in gara: bambini 8/16 anni, Enduro sprint e regolari d’epoca.

È stato un successo sportivo e di pubblico. Gli amici del Moto Club Scicli e Fifì racing Team, insieme ai parenti, hanno fortemente voluto dedicare la competizione alla memoria di Marco Buonomo, appassionato di enduro, venuto a mancare dieci anni fa, a causa di un incidente in moto.

In tutto 160 iscritti da tutte le parti della Sicilia; una buona riuscita dell’iniziativa che gli organizzatori definiscono “corale, grazie al sostegno dell’amministrazione Marino, che non si è tirata indietro nel consentire di realizzare il primo di una serie di eventi, da replicare il prossimo anno”.

Scicli si presta a tali manifestazioni e noi, come amministrazione comunale – dice l’assessore Giuseppe Puglisi -, saremo al fianco delle associazioni, che in tali eventi ci mettono il cuore“.

Puglisi aggiunge: “Ho conosciuto Marco e so quanta passione ci metteva in questo sport e mi fa piacere vedere oggi tanti giovani che approcciano in maniera sicura e intelligente alle due ruote. Spero che questo sia solo l’inizio di una lunga serie di manifestazioni sportive a Scicli“.

Presente, alla giornata di sport anche la consigliera comunale Sabrina Micarelli. “Sicuramente è un motore per la promozione del nostro territorio“, sostiene la consigliera comunale Sabrina Micarelli, la quale prosegue: “Questo evento ha richiamato tanta gente che si è riversata nella nostra bella città e il prossimo anno dobbiamo essere pronti a ospitarne ancora di più. Cinque le ragazze iscritte nella categoria Enduro sprint, segnale che lo sport sulle due ruote è per tutti“.

Alla fine della premiazione è stata consegnata la coppa in ricordo di Marco Buonuomo  a Demien Falla, nove anni, il più piccolo tra gli iscritti alla competizione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

-Pubblicità-