A Jungi riaperto l’asilo nido comunale

Da oggi e per i prossimi nove mesi sarà gestito dalla società cooperativa sociale “Le Garderie” di Siracusa. Il sindaco Marino dopo il taglio del nastro: “Risultato importante per la comunità. Scicli in anticipo rispetto al resto del distretto socio-sanitario”

-Pubblicità-    

SCICLI – Oggi è stato il giorno della riapertura dell’asilo nido comunale di Jungi. Famiglie e bambini, stamattina, sono tornati ad animare la struttura di via Pietro Nenni, che sarà gestita per nove mesi dalla società cooperativa sociale “Le Garderie” di Siracusa.

La riattivazione del servizio socio-educativo, peraltro molto attesa dalla cittadinanza, è stata preceduta da una breve cerimonia di benvenuto, in presenza del primo cittadino Mario Marino, della vice sindaca Concetta Drago, degli assessori Enzo Giannone e Peppe Puglisi, del nuovo esperto del Sindaco (Servizi Sociali, alla Pubblica Istruzione ed alla Cultura) Elio Tasca e di diversi Consiglieri comunali.

In anticipo rispetto al resto del distretto socio-sanitario, guidato dal Comune di Modica – ha affermato Marino, dopo il taglio del nastro -, siamo riusciti ad ottenere un risultato importante per la comunità. Ringrazio l’ex assessore Tasca e gli uffici comunali per il lavoro svolto in questi mesi”.

Il Sindaco ricorda, inoltre, che “tra l’affidamento, avvenuto il 30 dicembre, e l’inizio della gestione, si sono tenuti dei corsi di preparazione per i docenti e il personale educativo e ausiliario. Con l’arrivo della nuova cooperativa sono stati ampliati i posti fino a 30 bambini (8 in più), prevedendo la presenza anche di figure come il nutrizionista e il pediatra.

L’amministrazione comunale, sin dal primo momento, si è attivata con i nuovi gestori per garantire il personale già in servizio nella struttura. Questo obiettivo è stato raggiunto! Siamo contenti che Scicli – conclude il Sindaco – possa continuare ad avere un servizio così importante da un punto di vista sociale e formativo.

Nel frattempo il Comune annuncia l’avvio di un’iniziativainedita e innovativa, che “consente ai genitori di avere un venerdì sera libero. Si intitola “Mamma, stasera esco” e prevede l’apertura serale del nido comunale, una volta al mese, dalle ore 19.30 alle ore 22.