Blitz della Guardia di Finanza in due negozi cinesi di Scicli

Sequestrati 130 mila articoli pericolosi per la salute

1420
-Pubblicità-

SCICLI – Articoli di bigiotteria, cosmetici, prodotti per la cura della persona e giocattoli per bambini, risultati essere privi delle etichettature previste a tutela della sicurezza del consumatore, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza a Scicli. Circa 130 mila articoli pericolosi per la salute sono stati ritirati in due negozi gestiti da cinesi.

In particolare la merce, il cui valore di mercato stimato è all’incirca di 220mila euro, era sprovvista delle informazioni minime obbligatorie sulla composizione chimica e sulle modalità di corretto utilizzo, della prescritta marcatura CE e dell’indicazione di provenienza. I giocattoli mancavano anche delle informazioni essenziali finalizzate a prevenire rischi per la salute e all’incolumità dei bambini. I responsabili dei negozi, due cinesi, sono stati segnalati alla Camera di Commercio di Ragusa per l’applicazione delle relative sanzioni amministrative che, per questi illeciti, possono arrivare a oltre 25mila euro.