Pallamano, lo Scicli Sport Club più forte dell’emergenza

Campionato regionale Serie B maschile. Nonostante le tante assenze in rosa, la compagine sciclitana vince contro il Rosolini

-Pubblicità-

SCICLI SPORT CLUB 26

ROSOLINI 24

(11-9 p.t.)

Scicli Sport Club: Lombardo D. – Occhipinti G. (2) – Ammatuna L. – Donzella B. (4) – Iacono M. (6) – Iurato F. (5) –  Ciavorella G. (6) – Causarano M. (3). Allenatore: Luigi Ciavorella.

Rosolini: Botindari B. – Agosta G. – Amore L. – Iabichella G. (1) – Cavarra D. – Costa C. – Incatasciato N. (1) – Martino A. (8) – Sarra F. (2) – Spatola M. (2)  – Tricomi C. (2) – Trigilia S. (4). Allenatore: Carmela Neve.

Arbitri: Angelo Castagnino di Siracusa ed Emanuele Guttadauro di Catania

Ammoniti: Iacono e Iurato (Scicli); Iabichella e Martino (Rosolini).

PALLAMANO – Più forte dell’emergenza. Decimato dalle assenze, lo Scicli Sport Club riesce a superare con una grande prova di maturità e di carattere il Rosolini. Gli sciclitani sono stati costretti a disputare la partita lontano da casa, precisamente a Ragusa, considerata l’indisponibilità dell’impianto geodetico di Villaggio Jungi.

La compagine biancoazzurra si è presentata in campo con soli 8 giocatori a disposizione (compresi i due portieri), con il tecnico Luigi Ciavorella che ha dovuto fare i conti con le assenze di importanti elementi della rosa, tra cui Gulino, Parisi, Marino e Carbone. A penalizzare ulteriormente lo Scicli, dando ancora più valore al successo ottenuto a danni del Rosolini, l’impossibilità di poter svolgere allenamenti dallo scorso 24 febbraio.

Con l’intera posta in palio messa in tasca contro i rosolinesi, gli sciclitani confermano il netto cambio di passo rispetto al girone d’andata, ritrovando la giusta determinazione e lo spirito di gruppo.

Il commento della gara.

L’arbitro dà inizio alla partita e lo Scicli parte subito forte con le due marcature di Donzella e Iacono (2-0). Il Rosolini non lascia scappare gli avversari e ripristina la parità.

La gara si mantiene sempre in equilibrio con una rete per parte. In queste prime fasi della partita gli sciclitani sono ben disposti in fase difensiva: Causarano riesce a contenere le sortite del bomber del Rosolini Martino, grazie anche all’ottima prova dell’estremo difensore dello Scicli, Davide Lombardo, che con le sue parate dà sicurezza alla squadra.

I biancoazzurri continuano a giocare bene e sul finale del primo tempo riescono a portarsi sul +2. Grazie alla rete del giovane Iurato i padroni di casa chiudono la prima frazione di gioco in vantaggio sul punteggio di 11-9.

Durante l’intervallo negli spogliatoi il tecnico Luigi Ciavorella cerca di tenere alta la concentrazione della squadra. Ma ad inizio ripresa lo Scicli pare deconcentrato. La squadra biancoazzurra commette alcuni errori e il Rosolini ne approfitta e pareggia i conti (11-11).

Nonostante la lieve sbandata dei primi minuti del secondo tempo, lo Scicli mantiene i nervi saldi e riesce ad organizzarsi. La scossa ai biancoazzurri la dà Iacono. A lui lo Scicli dovrà però rinunciare. Il giocatore biancoazzurro è costretto infatti ad abbandonare il campo per crampi. Non avendo alternative dello stesso ruolo da inserire, mister Ciavorella è costretto a far entrare (come giocatore) il secondo portiere, il classe 2004, Gioele Occhipinti che si rende protagonista, realizzando due reti di ottima fattura (20-17 per lo Scicli).

Poco dopo i padroni di casa riescono a portarsi sul +4, 23-19, con Ciavorella che non perdona su rigore; gli ospiti non mollano e con Martino riducono lo svantaggio (24-22), ma lo Scicli gestisce bene i minuti finali, chiudendo la gara sul 26-24.

Nella foto il presidente dello Scicli Sport Club Enrico Parisi Assenza

Fare risultato non era per nulla scontato, ha commentato a fine gara il presidente dello Scicli Sport Club, Enrico Parisi Assenza”. “I nostri ragazzi sono stati veramente bravi a gestire tutte le fasi del match e devo anche dire con una buona personalità. Una vittoria –conclude Parisi Assenza- che ci rinfranca, visto il momento negativo che ci vede subire la chiusura dell’impianto sportivo”.