Il Concerto che non c’è, giallo su Chrysta Bell

Annullato l’evento musicale previsto domani sera al Convento della Croce

366
Convento della Croce (Foto SVN)
-Pubblicità-

SCICLI – Dovevano essere aperti i cancelli del Convento della Croce oggi pomeriggio, a Scicli, per l’inaugurazione del primo dei due eventi con l’artista e musa ispiratrice di David Linch, protagonista. E invece rimarranno chiusi, così come chiusi rimarranno domani sera, quando si sarebbe dovuto tenere il concerto di Chrysta Bell. Tutto rinviato. Montano le polemiche per l’annullamento dell’unica tappa siciliana dell’artista internazionale; ma perché? Cosa ha impedito lo svolgersi degli eventi? Voci sempre più insistenti parlano di un evento organizzato solo sulla carta. C’è un promotore del concerto, Progetto culturale Crocevia, ma non c’è l’ok del Polo Museale di Ragusa, diretto da Carmela Bonanno, che tutela il convento.   Progetto culturale “Crocevia” ha sempre sostenuto il pieno coinvolgimento del Polo Museale. Il comune di Scicli, nonostante l’evento fosse previsto nel suo territorio, non c’entra nulla.
Solo due giorni prima dell’evento è saltata fuori la storia del rinvio della data.
A parte la spesa per acquistare i biglietti, chi si era organizzato per la serata sciclitana di domani c’è rimasto fregato. Un bel guazzabuglio, anche alla luce di una nota stampa diffusa oggi dal Progetto culturale Crocevia che parla di eventi posticipati a domenica 2 luglio.”Lo slittamento dei due eventi-riporta la nota del progetto culturale Crocevia- si è reso necessario a seguito di una nota del Polo Museale di Ragusa che ha evidenziato, da un recente sopralluogo del responsabile della sicurezza pubblica, che i piazzali esterni del convento necessitano di interventi per la messa in sicurezza. L’organizzazione si sta dunque adoperando per adottare le misure più utili per superare ogni problematica, valutando anche l’opportunità di cambiare location”. ‘Crocevia’, nella stessa nota, precisa che sia il Polo Museale di Ragusa che il Comune di Scicli sono stati informati dell’evento già da tempo. Per quanto riguarda l’acquisto dei biglietti l’organizzazione dice che “il biglietto già acquistato resta valido per la nuova data del concerto. “E’ in ogni caso possibile-evidenziano gli organizzatori- ottenere un rimborso”. Dal giallo di un concerto che non c’è, la città subisce un notevole danno di immagine senza che questa volta il Comune c’entri nulla.