Basket: la ‘F.Ciavorella’ si conferma fucina di talenti. Marianna Miccichè convocata nella rappresentativa regionale femminile

La scorsa domenica a Piazza Armerina le giovani atlete (classe 2004-2005) sono state selezionate dal Centro Tecnico Federale Regionale

113
Nella foto Marianna Miccichè
-Pubblicità-

BASKET – Ennesima soddisfazione in casa ‘F.Ciavorella’. Il vivaio della storica società cestistica sciclitana continua a crescere e a sfornare giovani talenti locali, confermandosi uno dei più floridi del panorama cestistico ibleo e non solo. Un settore giovanile a cui, negli ultimi anni, anche i selezionatori del Centro Tecnico Federale Regionale hanno guardano con molta attenzione. Infatti, in vista della formazione della rappresentativa regionale femminile, il Centro Tecnico Federale Regionale ha convocato la giovane atleta Marianna Miccichè. La cestista sciclitana è stata selezionata per prendere parte alla preparazione tecnico atletica delle giovani leve (classe 2004-2005) che andranno a formare la rappresentativa regionale femminile. La scorsa domenica Marianna Miccichè è stata convocata al raduno, tenutosi al Pala Ferraro di Piazza Armerina, nel corso del quale il Referente tecnico territoriale unico per la Sicilia, Ninni Gebbia, e i tecnici federali Lilia Malaja e Maurizio Giordano, hanno avuto modo di visionare molto più da vicino le giovani atlete proveniente dall’intera regione. Viva è stata la soddisfazione espressa dai tecnici della società sciclitana Santo ed Alberto Carestia. “Sono diversi anni infatti che la società –affermano Santo ed Alberto Carestia- ha avuto giovani talenti del vivaio scelti a far parte dei selezionati per le rappresentative regionali o provinciali. Questa attenzione verso il vivaio societario rappresenta motivo di soddisfazione per lo staff tecnico e per i programmi didattico formativi che la società annualmente approva. Negli ultimi tempi –chiudono Santo ed Alberto Carestia- questa attenzione si è avuta anche da parte di qualificati tecnici societari di importanti club provinciali e regionali”.