Scicli, tasse: l’amministrazione replica ai consiglieri di Forza Italia

A prendere parola il sindaco Enzo Giannone e l’assessore ai Tributi Giorgio Vindigni

307
Nella foto da sx: il sindaco Enzo Giannone e l'assessore Giorgio Vindigni

SCICLI- La nota del gruppo consiliare di Forza Italia a firma dei consiglieri Mario Marino ed Enzo Giannone, resa nota alla stampa, è stupefacente sul piano del merito infarcita com’è di valutazioni ricavate su dati non veri. Ci sembra oltremodo onesto e corretto che i cittadini sappiano che il consiglio comunale, approvando le tariffe del servizio idrico integrato, ha inserito, per la prima volta, la “tariffa sociale” che riduce del 50% quella domestica residenziale per chi dimostra di avere un ISEE fino ad un massimo di 11.990. È un primo passo che tende ad equilibrare il carico tributario tra i cittadini. Questa tariffa è molto più generosa rispetto al Bonus idrico in quanto la soglia ISEE viene aumentata da 8.000 a 11.990. Altro che “Aumento illegittimo delle tariffe idriche!!!” Il costo del servizio idrico per l’anno 2017 è pari ad € 2.754.344,45 con una economia di circa € 470.000,00 come viene certificato nel Rendiconto dell’esercizio finanziario 2017, approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 96 del 16/11/2018. Non trova dunque alcun fondamento la presunta l’economia di spesa pari ad € 1.243.000,00. Per quanto attiene poi alle economie del 2017, pari ad € 470.000, sono state destinate al pagamento di fatture pregresse, e non pagate dalla precedente amministrazione, di energia elettrica dell’acquedotto. La notizia non è nuova ed è stata verificata e ribadita in più sedi e occasioni pubbliche. La Tari è stata ridotta dell’11% per tutte le categorie come è facile poter verificare solo guardando con animo sereno e non prevenuto gli atti. Comprendiamo bene del resto come Forza Italia debba mostrare il suo volto di movimento di opposizione ma riteniamo che lo debba fare con quell’onestà intellettuale e spirito libero da qualsiasi pregiudizio che sono condizioni esclusive per poter mantenere un corretto e proficuo confronto politico tra chi è obbligato a governare, quindi noi, e chi deve fare opposizione. Rammentiamo a noi stessi che nel corso del dibattito, vedi elevazione di ISEE a 11.990 euro, sono stati votati emendamenti  a firma dell’opposizione, compresi i consiglieri di Forza Italia, che ora tenta di fare le pulci a chi continua a lavorare per l’interesse della collettività diminuendo le tariffe e sforzandosi ogni giorno di offrire servizi sempre più efficienti.

Il Sindaco
Enzo Giannone

Assessore al Bilancio
Giorgio Vindigni