C’è chi pensa al dopo Montalbano

Rifugio Antiaereo in Via  Penna, FIG: “Se accertato, andrebbe valorizzato per fini museali e turistici

-Pubblicità-

SCICLI – A seguito dell’articolo pubblicato su “Dibattito” in merito alle potenzialità del presunto rifugio antiaereo collocato al di sotto di Via Mormina Penna, Forza Italia Giovani ha deciso di assumere l’iniziativa politica e lanciare una proposta al Comune ed alla città tutta. Pur usando tutte le cautele del caso, sulla base delle testimonianze di non pochi sciclitani dell’epoca ancora vivi, l’ingresso del rifugio antiaereo dovrebbe trovarsi tra il Comune e la Chiesa di San Giovanni (come dimostra una delle basole visibilmente diversa dalle altre). Non solo, sulla base di quanto a noi è stato riferito da alcuni anziani che hanno vissuto il periodo della guerra in città, sarebbero presenti addirittura dei tunnel tali da raggiungere Via Fiumillo e forse anche Piazza Italia. Ciò che noi chiediamo al Comune è di prospettare un’azione di localizzazione esatta del rifugio e stabilirne l’accessibilità, oltre ovviamente all’ampiezza. Siamo a ridosso del 2020, dunque esistono valide tecnologie in grado di effettuare questi interventi senza gravose azioni invasive sul piano urbanistico. In sostanza, senza emulare quanto avvenuto a Modica, sarebbe opportuno raccogliere le necessarie informazioni del sottosuolo con apposite tecnologie e, se rilevata la presenza del rifugio, procedere con un meticoloso intervento di accesso all’interno del sito, valutandone anche la praticabilità e la possibile messa in sicurezza.
L’eventuale localizzazione del bunker conferirebbe alla Città un’occasione unica. Infatti, il sito potrebbe essere impiegato da un punto di vista museale, tramite mostre fotografiche, documenti ed altre testimonianze di quel travagliato periodo storico, così da far apprendere alle nuove generazioni come viveva la società sciclitana dell’epoca del Ventennio e della guerra. Appare non più rinviabile la necessità di ampliare l’offerta turistica della nostra Scicli, non solo con la valorizzazione del rifugio antiaereo, ma anche con il recupero dell’aggrottato di Chiafura, tema che noi abbiamo riportato al centro del dibattito politico nell’ultimo anno. La nostra città non può continuare a vivere di “rendita”, grazie al Commissario Montalbano, poiché, si spera il più tardi possibile, anche tale fenomeno mediatico ridurrà la sua capacità di attrarre turisti nel nostro territorio.

Coordinamento Forza Italia Giovani Scicli
(Sintesi Comunicato stampa)