La Cartiaplant fa suo il 7^ Memorial Antonio Donzella

Battuta in finale la Purafollia

509
Foto Salvatore Galfo
-Pubblicità-

CALCIO A 5 – Passa agli archivi l’edizione numero 7 del Memorial Antonio Donzella. A scrivere per la quarta volta il proprio nome nell’albo d’oro del torneo di calcio a 5 è la Cartiaplant. Numeroso il pubblico presente, come gran parte del torneo, sulle gradinate della tribuna centrale per la finalissima. Prima del fischio d’inizio una breve cerimonia d’apertura, presentata da Giovanni Giannone, a cui hanno preso parte tutti coloro che hanno unito le loro forze per l’organizzazione del Memorial, vale a dire: Giuseppe Arrabito, la famiglia Donzella e il Comune di Scicli, quest’ultimo rappresentato dal vicesindaco Caterina Riccotti. Un pre-gara entusiasmante, guarnito e colorato dalle note del quartetto composto dal maestro Carmelo Errera, Piero Scardino, Francesco Aprile e da Daniele Basile, e poi il ‘toccante’ minuto di silenzio dedicato alla memoria di Antonio Donzella.

Al termine della cerimonia d’apertura il tanto atteso fischio d’inizio del match: da una parte la Cartiaplant, guidata da Salvatore Cartia, dall’altra la Purafollia, allenata da Angelo Mussini e Peppe Riela, due compagini capaci di regalare cinquanta minuti intensi di emozioni, all’insegna dell’equilibrio e del bel calcio. A prevalere, al triplice fischio degli arbirti Spitale e La Cagnina, sono i bianconeri della CartiaPlant con il risultato finale di cinque reti a tre. A scrivere il proprio nome sul tabellino dei marcatori sono stati: Ruta, Campailla, Fidone G. (Cartiaplant); Arena (2 reti) e Salemi (Purafollia).
Al termine dei festeggiamenti in campo, dei giocatori della CartiaPlant, la cerimonia di premiazione. Oltre alla consegna del trofeo Antonio Donzella alla squadra vincitrice del Memorial, sono stati consegnati altri riconoscimenti: a Denis Donzella, dell’A-Team, va il premio ‘Miglior gol’; Giovanni Ruta, della Cartiaplant, si aggiudica il premio ‘Giocatore esemplare’; il titolo di ‘Miglior portiere’ del torneo va al guardiapali della Cartiaplant, Yuri Lutri. Ad essere incoronato ‘Miglior giocatore del torneo’ è Guglielmo Ficili (Cartiaplant). Targhe ricordo consegnate anche agli instancabili collaboratori di Giuseppe Arrabito, trattasi di Antonello Micieli, Salvatore Spadaro, Leuccio Calvo e Damiano Nigro che, costantemente impegnati match dopo match, hanno contribuito attivamente alla riuscita del torneo.