Scicli: un teatro a distanza, la scommessa di Tecne99 e del “Brancati”

Ritorna “Logos/Comune”. La rappresentazione il 14 dicembre alle ore 18:30 su una piattaforma digitale. Incontri aperti a tutti e gratuiti

Foto repertorio
-Pubblicità-

SCICLI – Una stanza virtuale ospiterà, lunedì 14 dicembre alle ore 18:30, la IV edizione di Logos/Comune, dialoghi filosofici tematici. A proporre la messa in scena a distanza l’associazione culturale Tecne99 e il movimento culturale “Vitaliano Brancati”.

L’iniziativa da remoto segue l’ultima “tre giorni” della scorsa estate che si era conclusa con la performance sonora a cura di Lorenzo Brusci, all’interno dell’ex Chiesa Matrice di Scicli, San Matteo.

Il progetto “Logos/Comune”, ideato da Tecne99, fin dalla prima edizione, tenutasi all’interno della cornice del convento del Carmine, ha inteso portare la filosofia tra la gente ma soprattutto nei luoghi dimenticati per mostrare come sia possibile riqualificare gli spazi attraverso progetti a costo zero ma dall’alto valore socio-culturale.

In questa IV edizione, verranno discussi quattro paradigmi interni alla filosofia della natura per cercare di fotografare il contemporaneo e le sue criticità: Francesca Greco relazionerà su “La naturalezza della natura”, Giovanni Tidona su “La natura ama nascondersi”, mentre Pietro Tidona e Giovanni Padua proporranno, rispettivamente, “La doppia natura umano-divina” e “La natura come donna e madre”.

Dopo una breve presentazione di 5 minuti, i quattro relatori avranno a disposizione 10 minuti per introdurre e indicare il paradigma della “Filosofia Naturale” da loro scelto.

Al termine verrà aperto un dibattito con il pubblico con domande e risposte da circoscrivere all’interno di un tempo massimo di 2 minuti per intervento.

Il link per la partecipazione alla stanza virtuale: meet.jit.si/Logoscomune_Discuterelanatura