Scicli suggestiva meta dei “Cammini sacri siciliani”

Lo scorso weekend la città ‘cremisi’ ha ospitato il VI Meeting Regionale di “Vie Sacre Sicilia”

-Pubblicità-

SCICLI – Si è tenuto lo scorso fine settimana a Scicli il VI Meeting regionale di “Vie Sacre Sicilia”, la rete regionale dei cammini tematici nata nel 2014. A organizzare la giornata l’associazione culturale “Tanit Scicli”. Il VI Meeting Regionale “Vie Sacre Sicilia” ha scelto come sede dell’Expo e del convengo il settecentesco immobile di via F.M. Penna, palazzo Spadaro. Nella sala “Falcone-Borsellino”, messa a disposizione dal Comune di Scicli (patrocinatore dell’evento insieme alla Regione Sicilia) il presidente di “Tanit Scicli” Vincenzo Burragato ha moderato i lavori dell’evento a cui hanno partecipato l’Assessore Regionale al Turismo, Manlio Messina, e Attilio Caldarera, ideatore di Vie Sacre Sicilia. Dopo i saluti di rito del Sindaco di Scicli, Enzo Giannone, e dell’assessore alla Cultura, Caterina Riccotti, il racconto di tutte le esperienze di cammino in Sicilia e l’esperienza in prima persona degli ideatori dei percorsi attraverso le meraviglie dell’Isola.

A fare gli onori di casa per la curia il Vicario Foraneo di Scicli Padre Ignazio La China che ha incentrato il suo intervento sul rapporto tra fede, cammini e comunità, tema abbracciato anche da Don Roberto Fucile dell’ufficio turismo della CESI. L’assessore Messina, infine, ha chiuso i lavori manifestando la sua ammirazione per l’opera di Vie Sacre Sicilia e l’intento in atto della Regione Sicilia di mappare i cammini creando un atlante degli stessi per porli alla portata di tutti.

Dopo il convegno di palazzo Spadaro, nel pomeriggio, Tanit Scicli ha condotto tutti i partecipanti al raduno, comprese le numerose guide ambientali escursionistiche AIGAE, su di un percorso capace di riassumere i tre cammini sacri organizzati dall’associazione sciclitana: quello dedicato al Beato Guglielmo Cuffitella, il secondo tracciato sulle Orme di Maria e il terzo che vede protagoniste le chiese rupestri in un susseguirsi mozzafiato di scenari d’arte, sacralità e tradizione sottolineati ancora di più dal fascino degli intermezzi artistici sceneggiati, recitati e musicati per l’occasione dall’Associazione Culturale Tecne99, curatrice anche del concerto di musica sacra che ha chiuso la giornata presso la chiesa di San Giuseppe dopo la Santa Messa per i pellegrini celebrata da Padre La China.

Un giorno speciale per Scicli –afferma Vincenzo Burragato- quello dedicato a Vie Sacre Sicilia, con l’Associazione Culturale Tanit ancora in prima linea nel dar lustro alla nostra città, unendo cultura, organizzazione, senso civico e regalando a cittadini e visitatori un’esperienza unica da custodire”.