Scicli, differenziata: il Comune ha pronte le compostiere domestiche

L’assessore all’Ecologia Bruno Mirabella: “Chi ne farà uso potrà beneficiare di sgravi in bolletta, riducendo così le quantità di rifiuti organici da conferire nelle apposite piattaforme”

-Pubblicità-

SCICLI – A palazzo di città si vuole accelerare per ridurre il gap con gli altri comuni della Provincia in termini di differenziata.

All’estensione su tutto il territorio comunale del servizio di raccolta “porta a porta”, si aggiunge il compostaggio domestico.

Stamattina l’annuncio del Comune: “Chi ha una utenza Tari e un giardino di almeno 25 metri quadrati per persona del nucleo familiare può fare richiesta di una compostiera domestica in comodato gratuito”.

La nota diffusa da palazzo “Palle” informa inoltre che “possono beneficiare della riduzione della tariffa tari anche i cittadini che costruiscono una compostiera in proprio secondo le regole del compostaggio e del regolamento comunale del Comune”.

Chi intende richiedere le compostiere –conclude l’annuncio- può presentare domanda al protocollo del Comune o via pec a protocollo@pec.comune.scicli.rg.it fino al 20 gennaio 2021. I cittadini richiedenti devono essere in regola col pagamento della Tari.

L’assessore all’Ecologia Bruno Mirabella spiega l’importanza e i vantaggi del compostaggio domestico.

Nella foto Bruno Mirabella

Rappresenta –esordisce Mirabella- una strategia di contenimento del volume e del peso complessivo del rifiuto da smaltire e un notevole risparmio della spesa di gestione”.

Inoltre –aggiunge l’assessore- riduce l’impatto ambientale e l’inquinamento, producendo un fertilizzante, ideale per la cura del giardino, dei fiori e dell’orto”.

Mirabella rivolge un invito ai cittadini ad aderire all’iniziativa. “Il compostaggio domestico rappresenta un’opportunità in quanto consente sgravi in bolletta, riducendo –conclude- le quantità di rifiuti organici da conferire nelle apposite piattaforme”.