Lo sport a Scicli tra occasioni “sprecate” e impianti da “rivitalizzare”

Intervento congiunto di quattro liste civiche: “Imprescindibile un cambio di passo politico e amministrativo”

-Pubblicità-

SCICLI – Risuona ancora, nonostante sia passata una settimana, il botta e risposta tra il Tennis Club Scicli e il Comune. Come si ricorda, l’associazione sportiva è rimasta tagliata fuori da un importante finanziamento (destinato all’ammodernamento della struttura tennistica), con l’Ente locale accusato di essere il responsabile.

La vicenda dell’esclusione del TCS dal bando dà un “assist” a Scicli al Centro, Obiettivo Comune, Libertà Popolare e SiAmo Scicli. Per le quattro liste civiche è l’occasione di fare una riflessione sullo stato di salute dello sport in città. Si concentrano in particolare sull’importanza di partecipare e ottenere dei finanziamenti.

Condividendo la delusione dei responsabili dell’associazione Tennis Club e increduli di come sia stata sprecata un’occasione così importante per il futuro del movimento tennistico sciclitano, riteniamo imprescindibile un deciso e concreto cambio di passo amministrativo e politico, si legge nel loro intervento congiunto.

Un cambio di passo –prosegue la nota- che non è prioritario per taluni, i quali preferiscono dedicarsi alla cosiddetta ‘alta politica’, anziché ai veri problemi dei cittadini”.

I movimenti civici sottolineano come il mancato ottenimento del finanziamento per i campetti di tennis non sia un caso isolato.

E’ indubbio che la nostra città –spiegano- ha sprecato tante occasioni, giunte grazie ad un importante sforzo politico ed istituzionale presso le sedi opportune. Non basta ottenere il finanziamento, sia esso regionale o comunitario o statale, per considerare sicura un’opera, ma serve anche l’intervento ‘a valle’ dell’Ente Locale”.

Le quattro liste civiche aggiungono: “A proposito di occasioni sprecate, non sarebbe male conoscere l’iter per la realizzazione o l’operatività della piscina comunale, della pista ciclabile tra Donnalucata e Playa Grande, dello stadio ‘Ciccio Scapellato’, del Polivalente, del campetto di Cava d’Aliga e del palazzetto sportivo di Donnalucata (contrada Fabiano-Dammusi).

Investire sullo sport significa investire sul futuro della città. Individuare, partecipare e recepire i bandi comunitari, statali e regionali –concludono Scicli al Centro, Obiettivo Comune, Libertà Popolare e SiAmo Scicli- è imprescindibile per una gestione amministrativa che sia funzionale a creare sviluppo e quindi lavoro per la nostra comunità. Occorre cambiare passo, per Scicli e per gli sciclitani”.