Scicli: Salvo Di Maria sempre in campo per la città

SPAZIO ELETTORALE A PAGAMENTO - Candidato nella lista del PD a sostegno di Giorgio Vindigni

-Pubblicità-

SCICLI – In questa tornata elettorale Salvo Di Maria del Partito Democratico si è candidato al Consiglio comunale per mettere a disposizione della città “esperienza, conoscenza e professionalità”. È lui stesso a dirlo in una nota con cui presenta la sua candidatura.

Di seguito la scheda relativa a Di Maria.

Esperienza:

– Oltre 50 anni di attività politica sempre nello stesso Partito.

– Ha fatto parte delle Amministrazioni più attive degli ultimi 30 anni, accanto ai sindaci Lonatica e Padua. Insieme a loro ha realizzato o progettato diverse opere pubbliche: il sistema fognario dell’intero Territorio “PARF”; il lungomare di Sampieri; i parcheggi di Donnalucata e di Cava d’Aliga; via Montessori a Cava d’Aliga; la caserma dei Carabinieri a Scicli; il progetto integrato di Jungi; il P.R.G. Portoghesi…

– Presidente o componente di associazioni culturali, con la partecipazione attiva a diverse iniziative cittadine di salvaguardia e difesa di beni storici (Fornace Penna) e del territorio (Progetto Parco extraurbano Truncafila-San Biagio). Si è impegnato anche sul piano turistico, fornendo e formando gli addetti alla ricezione turistica/alberghiera fin dal 1989, tramite la cooperativa “Solemare” e l’Agenzia “Abitare”.

Amministratore di condomini, oggi 22, ha affrontato tutti i servizi e disservizi che esistono nella vita comune condominiale.

Ha una conoscenza di tutte le problematiche per affrontare tutte le attività già svolte, ed attualmente ancora attive.

La professionalità:

– Dal 1981, svolgendo l’attività di libero professionista, ha acquisito grande esperienza progettando o collaborando a diverse opere private e pubbliche, sia a Scicli che in Provincia (contribuendo a far aprire le prime Case Vacanze e B&B in città e nelle borgate): progetto di Villa Penna; collegamento corso Umberto con via Colombo; caserma dei Carabinieri; messa in sicurezza della “Collina ferita” e collaudo dei costoni rocciosi; collaudo condotta del metano a Scicli; SERT di Vittoria…

Queste alcune motivazioni – commenta Di Maria – che mi hanno convinto a ritornare a far parte della futura Amministrazione, sostenendo un candidato Sindaco competente e preparato come Giorgio Vindigni“.