Trionfo della Cartia Plant a Roma

La formazione sciclitana vince il torneo nazionale di calcio a undici, promosso dal Csen

Nella foto un momento dei festeggiamenti
-Pubblicità-  

CALCIO – La Cartia Plant sistema un altro trofeo nella sua ricca bacheca. L’ultima coppa è stata conquistata a Roma, dopo aver trionfato, lo scorso fine settimana, al torneo nazionale di calcio a undici, promosso dal Csen.

La squadra, allestita da Salvatore Cartia, ha dato prova di grande perspicacia e caparbietà, vincendo tutte le gare della manifestazione, compresa la finalissima di domenica contro la compagine romana Black Tiger, battuta per 4 a 1.

Ad accompagnare la Cartia Plant c’era anche il presidente provinciale di Ragusa, nonché dirigente nazionale del Csen, Sergio Cassisi che ha assistito a tutte le partite disputate.

Alla premiazione è intervenuto il presidente nazionale Francesco Proietti, il quale si è complimentato con la squadra che, in rappresentanza della Sicilia, si è aggiudicata il primo posto.

Nella foto Sergio Cassisi

La Cartia Plant si è aggiudicata anche dei premi individuali: Angelo Gravina ha conquistato il titolo di cannoniere, mentre Danilo Gurrieri quello di miglior portiere del torneo.

È stata una grandissima esperienza – afferma Cassisi – e faccio i miei migliori complimenti a tutti. Tra l’altro, stiamo parlando di una squadra, la Cartia Plant, che già diverse volte ha partecipato alle varie fasi nazionali di calcio a undici”.

Siamo molto soddisfatti per come è andata. La formazione sciclitana è riuscita, inoltre, nella difficile impresa di conquistare, in pratica, ogni trofeo, sia di squadra che individuale, messo in palio dall’organizzazione del Csen settore calcio nazionale, di cui è responsabile Michele Falvino, coadiuvato da Paolo Foscolo.

Insomma è stato un bel momento che ha meritato di essere celebrato con la dovuta attenzione da tutti i presenti al torneo”, ha concluso Cassisi.

Intano, i giocatori e i collaboratori della team Cartia Plant sono stati convocati in Municipio dal sindaco Mario Marino e dall’assessore Gianni Falla per la consegna di un riconoscimento.