Chiafura per 5 anni nelle mani della Regione

Per ottenere un importante finanziamento per il recupero delle grotte

-Pubblicità-

SCICLI – Si è tenuta stamani a palazzo di città una conferenza dei capigruppo consiliari che ha votato all’unanimità il percorso amministrativo, illustrato dal Sovrintendente di Ragusa Giorgio Battaglia, che il Comune e la Regione hanno individuato per riattivare i percorsi di Chiafura e delle grotte trogloditiche di Scicli. Il Comune concederà per un quinquennio alla Regione il bene, affinché, avendone la titolarità, la Regione possa fare un grosso investimento per il recupero del sito. Nei giorni scorsi una teleconferenza di servizio fra il sindaco Giannone, l’on. Orazio Ragusa e il direttore generale dell’assessorato ai beni culturali, Sergio Alessandro, aveva definito il percorso amministrativo. Il punto fermo è che il quartiere degli antichi aggrottati resterà di proprietà pubblica.

Nella foto il sindaco di Scicli Enzo Giannone

“Lo spirito di condivisione, il nuovo clima di consenso pressoché unanime di fronte a temi che riguardano lo sviluppo della città –ha commentato il sindaco Enzo Giannone-, mi fanno riflettere positivamente sulla seconda fase di questa esperienza amministrativa e sul nuovo corso politico oggi in atto a Scicli”.