Lottizzazione a Donnalucata, PD: “Neanche la maggioranza, come l’Amministrazione, si esprime”

Nuovo intervento del Partito Democratico

Foto repertorio
-Pubblicità-

SCICLI – Prendiamo atto dal comunicato di ieri, che neanche la maggioranza politica, come l’amministrazione comunale, si esprime a favore o contro l’imponente lottizzazione per cui è stata proposta variante urbanistica a Donnalucata.

Entrambi, maggioranza e amministrazione, si trincerano dietro un rinvio di responsabilità di scelta al consiglio comunale (come se non fossero loro stessi l’attuale maggioranza in Consiglio).

Da questo non bisogna lasciarsi distogliere. Su questo ha chiesto chiarezza di posizioni il Partito Democratico di Scicli.

Per quanto concerne la precedente consiliatura, il Partito Democratico di Scicli (il cui gruppo consiliare al tempo era formato da Gianpaolo Aquilino, Claudio Caruso, Marco Causarano ed Enzo Giannone!) conferma le proprie posizioni espresse a suo tempo, allorché chiese le linee guida per le zone bianche prima che si votasse qualsiasi variante, al fine di garantire pari ed uniforme trattamento a tutti quei cittadini che ponevano legittime aspettative per una classificazione urbanistica dell’area di proprietà con vincoli scaduti.

A quelle linee guida, ed alle conseguenti varianti, tutto il consiglio comunale, all’unanimità, votò a favore, PD compreso, e su tali provvedimenti né la Regione, né l’attuale Consiglio, hanno mosso rilievi.

Quelle linee guida, insieme a quelle per la redazione del nuovo PRG (anch’esse deliberate dal C.C) sono state l’eredità, in termini regolamentari e politici, per chi è venuto dopo per portare a compimento il Piano Regolatore Generale. Epperò, da allora sono passati altri quattro anni senza che nulla sia stato finalizzato.

Auspichiamo infine, con riguardo alle varianti citate nel comunicato della maggioranza (che sono ben differenti per presupposti ed impatto rispetto a quella di Donnalucata) che chi ricopre oggi la carica di governo della città abbia adempiuto alle proprie responsabilità di controllo nel verificare che quanto edificato sia conforme, anche con riferimento alle prescrizioni e agli oneri di concessione, a quanto a suo tempo deliberato dal consiglio comunale.

Partito Democratico di Scicli