Tanit Scicli annuncia una novità: “Apriamo al pubblico palazzo Mormino-Massari”

La visita all’interno dello storico edificio nobiliare di piazza Italia chiude la programmazione estiva dell’associazione culturale

-Pubblicità-

SCICLI – Finale migliore non poteva esserci per la programmazione estiva di Tanit Scicli. Sarà una chiusura col botto. L’associazione culturale, venerdì 9 settembrespalancherà per la prima volta al pubblico le porte di palazzo Mormino-Massari.

Non è una novità che i ragazzi di Tanit propongono delle aperture inedite di storici edifici della città. Stessa cosa fecero qualche anno fa con il Beneventano, un evento che si rivelò straordinario, facendo registrare un gran numero di visitatori. Adesso ci riprovano con la residenza nobiliare che si affaccia su piazza Italia.

Nella foto alcuni componenti del team Tanit Scicli

La visita all’interno di palazzo Mormino-Massari sarà, però, preceduta da un altro appuntamento, altrettanto affascinante, che l’associazione mette in calendario. Domani (venerdì 2 settembre) ci sarà la visita all’interno del cimitero monumentale cittadino.

L’itinerario che si sviluppa tra i sentieri della parte antica del campo santo è un progetto – commenta il presidente dell’associazione culturale, Vincenzo Burragatosu cui insistiamo ormai da molti anni, mappando e studiando cappelle, monumentini e personaggi, capaci di dar lustro alla nostra città. Un appuntamento imperdibile per scoprirne l’intrinseca bellezza”.

Nella foto Vincenzo Burragato

“La visita a palazzo Massari, invece, nasce – prosegue Burragato – dalla comunione d’intenti tra la famiglia Massari e Tanit, volta a valorizzare uno scrigno nascosto della storia sciclitana”.

“Sarà una visita – conclude il presidente dell’associazione – che unirà l’arte al piacere del vino, grazie alla collaborazione con le Tenute Senia, che offriranno, a coronamento della visita, una esclusiva degustazione delle loro migliori etichette, all’interno del baglio del palazzo. L’estate sta finendo ma la cultura con Tanit non finisce mai!”.