“Scicli non è una città per giovani”

Lo sostiene la Lega Giovani Scicli dopo la presentazione del programma estivo

-Pubblicità-

SCICLI –  Il cartellone estivo 2020 non piace affatto alla ‘Lega Giovani Scicli’. In un documento, firmato da Giovanni Donzella, viene dato merito alle associazioni socio-culturali che “in un periodo così difficile, si sono prodigate a presentare così tanti eventi”. Subito dopo arriva, però, la stilettata all’indirizzo dell’amministrazione comunale. “Non possiamo ritenerci pienamente soddisfatti dell’operato della giunta –si legge nel documento della Lega Giovani– la quale si è limitata a raccogliere le proposte delle associazioni e non ha svolto un’attività autonoma a sostegno degli imprenditori locali, soprattutto quelli operanti nelle borgate. Infatti presso queste riscontriamo una scarsissima presenza di eventi, il che è curioso visto che si tratta della programmazione estiva”. Lega Giovani Scicli si sofferma su un altro aspetto. “Altra criticità che portiamo alla luce –prosegue il documentoè la totale assenza di eventi per le fasce giovanili. Infatti tutti gli eventi previsti sono mirati per un pubblico adulto, tagliando fuori dalla programmazione adolescenti e giovanissimi. Siamo ben consci che il periodo attuale limita fortemente le attività per queste categorie, tuttavia nulla è stato fatto in merito. Di fatto rimangono inascoltati i nostri precedenti appelli i quali miravano all’organizzazione di eventi rivolti ai più giovani”. Lega Giovani Scicli va oltre. “Si coglie l’occasione -aggiunge Donzella- per rilanciare alcune proposte passate come la rimozione del divieto di accesso in spiaggia dopo le ore 21 così da favorire l’organizzazione dei classici tornei sportivi che hanno da sempre accompagnato l’estate sciclitana. Un sostegno economico agli imprenditori locali in modo tale da favorire l’organizzazione autonoma di eventi presso i vari stabilimenti balneari, così da aumentare la presenza giovanile nelle borgate. Nell’ultimo appello fatto alla giunta, dato che il turismo sarà prevalentemente regionale al più nazionale, si chiedeva di istituire un servizio bus navetta che collegasse il centro storico alle varie borgate così da favorire l’affluenza di turisti presso le nostre spiagge e far si che il turismo non si riducesse al centro storico. Questa manovra aveva la duplice valenza di attivare un movimento turistico slegato dal fenomeno Montalbano”. Lega Giovani Scicli lancia un’ulteriore proposta. “La giunta comunale potrebbe attivarsi per individuare ed istituire in una delle nostre borgate un cinema drive-in, così da poter chiamare a raccolta un vasto pubblico rispettando tutte le norme necessarie per il contenimento dell’epidemia da Covid-19. Il nostro augurio –conclude Giovanni Donzella- è che almeno qualcuna delle nostre proposte sia ascoltata così da fornire intrattenimento per tutte le fasce d’età”.